mercoledì 17 gennaio 2018

AssurdITALIA: vince 4-3 ma che brividi!

0-2; 3-2; 3-3; 4-3; alla fine la portiamo a casa con Giovinco

 

cdn.tuttosport.com

cdn.tuttosport.com

 

Di quei film – thriller – in cui l’assassino sai da subito che c’è ma non dove si nasconde: se ha gli occhi a mandorla o la barba, se ha il tricolore sulla maglia o un bollino rosso su sfondo bianco.
L’enigma sembra risolto già al 20′ quando De Sciglio opera un retropassaggio-kamikaze all’indirizzo di Buffon che va sul pallone ma prende anche l’avversario e induce l’arbitro ad indicare il dischetto: trenta minuti e siamo già sotto di un gol, abbiamo effettuato già una sostituzione (Giovinco rileva uno spento Aquilani) e già cambiato il modulo di partenza (da 4-3-2-1 a 4-3-1-2): non era decisamente l’inizio pronosticato.

Anche perchè soffriamo, Kagawa&co gestiscono con magistrale maestria il gioco nello stretto e arrivano a conclusioni che sibilano a fil di palo. Spingono, dominano oltre l’aspettativa più pessimista e alla fine trovano il raddoppio, questa volta con Kagawa, il migliore in campo, che segna dagli sviluppi di un corner. E’ lui l’assassino; l’Italia è al suolo: knok out.

Balotelli sembra essere l’unico a cercare di rianimare una squadra esanime a causa forse dell’80% di umidità ma soprattutto della forza inaspettata dell’avversario: al 41′ De Rossi riapre la partita; è un gol d’ossigeno puro che arriva da un corner di Pirlo.
Prima dell’intervallo arriva anche il palo colpito da Giaccherini e con ciò la consapevolezza di poter ribaltare la partita al rientro dagli spogliatoi.

TUTTO SBAGLIATO chi è adesso l’assassino? De Sciglio ha tentato il suicidio ma non può essere complice di Kagawa che spezza le gambe agli azzurri con le sue giocate con Honda. Ma ecco l’indizio, il cambio di rotta: Uchida viene centrato da Giaccherini e la palla schizza in rete per quello che è il pareggio immeritato almeno quanto sperato.

Non ce ne abbiate ma oggi è l’audacia a procurare fortuna, è il Giappone che fa la partita, è un mondo alla rovescia e a ribaltarsi è pure il risultato: rigore – inesistente – per noi, va Balo e segna! 3-2 incredibile.

FINALMENTE GIRA gestiamo la partita con più tranquillità, “passaggi corti e pedalare”, “tic-toc” ma non abbiamo ancora capito come gioca il Giappone e in particolare Okazaki che anticipa Montolivo e pareggia i conti. E l’assassino?

Per trovarlo bisogna prima individuare la vittima, e dal 70′ in poi gli indizi si sommano: succede di tutto! L’Italia continua a giocare ad intermittenza e nelle pause buie si perde a guardare i giapponesi concludere più volte verso la porta difesa, per quanto possibile da Buffon. Ora rischiamo davvero. Al 74′ Balotelli guadagna una punizione; a battere va Pirlo che non riesce però a pescare il milanista e il pallone si spegne sul fondo. L’assurdo accade al 79′: diagonale a botta sicura di Okazaki che colpisce il palo a Buffon battuto, il ribattino poi di Kagawa che anticipa la difesa va a colpire la parte alta della traversa. Miracolo a Recife.

Il Giappone vuole vincerla, è lui l’assassino, aggressivo e prepotente, insospettato, e dotato di alibi: è l’identikit che cerchiamo.

86′ MINUTO a quattro dalla fine gli avversari premono ancora con gli azzurri barricati nella propria metà campo a respingere gli attacchi nemici poi la palla arriva improvvisamente sui piedi di Montolivo che la fa filtrare da Dio per Marchisio, c’è Giovinco in mezzo, la riceve..
è gol!
4-3 di una partita infinita: il Giappone è battuto immeritatamente, ha segnato Giovinco, il suo primo colpo, la sua prima perla con il numero 10. Quello del killer.

Complimenti al Giappone, quest’Italia priva di identità riesce con molta fortuna a portare a casa una vittoria pazzesca. Siamo ancora vivi e sabato c’è l’esame di maturità: chi fermerà il Brasile?

About Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua nasce a Gorizia il 20 ottobre 1993. Si diploma al Liceo Scientifico nel 2012. Attualmente frequenta la Facoltà di Giurisprudenza all'Università degli Studi di Trieste. Scrivere di sport è un'opportunità di crescita; gioca a calcio. @Bevilacqua_93

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto