mercoledì 22 novembre 2017

Stefano Gross medaglia di legno nello slalom speciale.

Ennesimo sfortunato quarto posto per i nostri colori.

sport.leonardo.it

sport.leonardo.it

Amara soddisfazione per un pur strepitoso quarto posto dell’inatteso Stefano Gross nello slalom speciale. L’atleta azzurro, artefice di una bellissima prima manche che lo ha piazzato al terzo posto provvisorio (a +0.75), deve guardare il podio da lontano per soli 5 centesimi. Gara vinta dal sempre verde Mario Matt (primo anche nella prima manche), davanti al deluso Marcel Hirscher  di 28 centesimi. Proprio Marcel Hirscher è stato artefice di una grande rimonta, in quanto dopo la prima manche si trovava al nono posto a ben +1.28 dal leader provvisorio, ma da grande campione qual’è, si è ben destreggiato fra il tortuoso tracciato disegnato da “papà” Kostelic nella seconda manche, conquistando così la medaglia d’argento. Medaglia di bronzo per il giovanissimo norvegese Kristoffersen, solo 15esimo dopo la prima manche, compie una grande impresa, ma beffa di poco proprio il nostro Stefano Gross a parimerito con il tedesco Dopfer. Felix Neureuther, grande atteso per il podio, dopo una cupa prima manche e dolorante a causa dell’incidente in cui è rimasto coinvolto poco prima della partenza per sochi, non porta a termine la seconda manche. La nostra punta di diamante Patrick Thaler non giunge al traguardo già nella prima manche, vedendo tutti i sogni olimpici svanire poche porte dopo la partenza. Manfred Moelgg, 12esimo dopo la prima manche, esce nella seconda, così come Giuliano Razzoli (16esimo dopo la prima manche).

Spedizione italiana dello sci alpino che si conclude con le due medaglie di Innerhofer e tanta amarezza per i quarti posti di Daniela Merighetti (discesa libera), Nadia Fanchini (slalom gigante) e Stefano Gross (slalom speciale).

Peccato! Ma grazie comunque ragazzi per lo spettacolo e le speranze che ci avete regalato, augurandoci tutti che la sfortuna delle medaglie di legno di Sochi, si trasformi in gioie a Pyeongchang (Corea del Sud) 2018.

di Simone Frigeri

 

About Simone Frigeri

Simone Frigeri nasce a Gorizia il 23 febbraio 1993. Diplomato al Liceo Linguistico, frequenta la Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Trieste. Ama lo sport in generale con particolare attenzione al calcio ed allo sci alpino, sport praticati agonisticamente per molti anni. Attivo in campo sociale, persona estroversa e sempre pronta a mettersi in gioco.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto