mercoledì 17 gennaio 2018

Gli azzurri verso Manaus! E Pirlo dice addio alla nazionale.

A poco più di 48 ore dall’esordio contro l’Inghilterra, molti sono i dubbi ancora da risolvere, ma a casa azzurri si respira un’aria tranquilla.

Mangaratiba. Nel ritiro della nostra nazionale, a farla da padrone è la serenità. Serenità di chi, come Insigne (che nelle gerarchie sembra aver adirittura sorpassato Cassano) e Darmian, che non si aspettavano la convocazione per il Brasile ed invece stanno mettendo in difficoltà le scelte del CT Prandelli e forse possono entrambi giocarsi un ruolo di titolari. Serenità anche del nostro uomo chiave, Mario Balotelli, carico da quando è atterrato a Rio, pronto a dare il massimo, e ancora più convinto dei suoi mezzi da quando ha ricevuto il SI’ da Fanny, che fra pochi mesi diventerà ufficialmente sua moglie come dimostra anche il profilo Instagram del rossonero:

balotelli

 

C’è chi invece non ha fatto dormire questa notte tutti i suoi tifosi nel mondo, cioè Andrea Pirlo, che proprio ieri, in occasione del rinnovo del contratto con la Juventus per altri due anni, ha confermato, che queste partite del Mondiale in Brasile, saranno le ultime con la maglia della Nazionale perché “ho una certa età ed è giusto lasciare spazio ad altri” e aggiungiamo noi, che “forse nessuno sarà mai forte come te”. Andrea inoltre ha confessato che l’idea di giocare con un centrocampista cosiddetto bloccato (De Rossi) e due registri liberi di creare (lui e Verratti), è una formula che secondo lui potrebbe risultare vincente. L’Inghilterra non fa paura al nostro Andreino da Brescia, che crede nelle potenzialità della squadra ed è convinto di arrivare fino in fondo. Ci mancherai Andrea.

pirlo

  Notte insonne anche per Cesare Prandelli, a preoccuparlo ci sono le condizioni di Marco Verratti, colpito da un forte attacco influenzale nei giorni seguenti l’amichevole contro il Fluminense, ma pare potercela fare a recuperare completamente per sabato notte (Thiago Motta il suo eventuale sostituto). Dubbi anche sull’attacco da mettere in campo contro l’Inghilterra. Ora come ora l’ipotesi più accreditata è Mario Balotelli unica punta, ma nelle prossime ore potrebbero prendere piede pure altre due ipotesi: l’attacco a due punte con Balo-Immobile, oppure Balotelli con Cassano in supporto alle sue spalle. Pochi dubbi per quanto riguarda la fscia destra, in quanto Darmian sembra aver impressionato positivamente tutti e quasi sicuramente vestirà la maglia di titolare. Domani nella nostra rubrica sulla vigilia di Italia-Inghilterra, potremo dare informazioni più sicure sulle scelte del nostro CT. Da monitorare in ogni caso le condizioni fisiche di ognuno dei nostri, in quanto gli azzurri saranno sottoposti ad una dura prova contro le condizioni metereologiche di una amazzonica Manaus (a 340 km dall’ Equatore), in cui si prevede una temperatura percepita di 33 gradi, con umidità che oscilla tra l’80-85% e con la presenza di possibili acquazzoni che potrebbero mettere in seria difficoltà il già disastrato terreno dello stadio Arena Amazonia. Di seguito alcune foto del terreno di gioco:

campo

FBL-WC-2014-MANAUS-PITCH

Brazil Soccer WCup

Anche la Fifa infine ha i suoi nodi da sciogliere, in quanto dopo aver confermato quasi sicuramente i 3 minuti di pausa alla mezzora del primo e alla mezzora del secondo tempo, per le partite Italia-Costa Rica e Italia-Uruguay, pare essere intenzionata a programmare questi due brevi time-out (causa clima amazzonico asfissiante) anche in occasione di Italia-Inghilterra, ma per tutte le partite, la decisione verrà presa 90 minuti prima del fischio d’inizio da un medico della Fifa.

Appuntamento a domani, con la rubrica la “la vigilia di Italia-Inghilterra”.

di Simone Frigeri

GIOCA I MONDIALI CON NOI, TI REGALIAMO UNA MAGLIA DELLA NAZIONALE! SCATTA UNA FOTO CON L’HASHTAG #SELFIEMONDIALE E TAGGACI SUI SOCIAL! Scopri di più qui –> http://nazionaliditalia.it/selfiemondiale/

 

About Simone Frigeri

Simone Frigeri nasce a Gorizia il 23 febbraio 1993. Diplomato al Liceo Linguistico, frequenta la Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Trieste. Ama lo sport in generale con particolare attenzione al calcio ed allo sci alpino, sport praticati agonisticamente per molti anni. Attivo in campo sociale, persona estroversa e sempre pronta a mettersi in gioco.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto