martedì 16 gennaio 2018

Capolavoro di Federica Brignone: vince lei il gigante d’apertura.


Prima vittoria in carriera per Federica, che domina la gara davanti alla Shiffrin.

image

Al via oggi la Coppa del Mondo di sci 2015-2016, con il gigante femminile che come di consueto si tiene sul pendio del Rettenbach, nella splenida cornice della localitá di Soelden, in Tirolo. Assenze molto importanti a partire da Tina Maze, che come accennato all’ultima gara dello scorso anno, questa stagione non prenderà parte alla Coppa del Mondo. Anna Fenninger infortunatasi durante l’allenamento di giovedì scorso, non fará parte nemmeno lei di questa stagione a causa di un grave infortunio al ginocchio. Decisione invece presa all’ultimo momento quella di Lindsey Vonn (favorita per la Coppa del Mondo generale di questa stagione) che sentendosi insicura fisicamente, ha deciso di non partire a causa dalle difficili condizioni di pista.

Prima manche tracciata dall’allenatore delle svedesi, ma a farla da padrona é la nostra Federica Brignone che compie un vero e proprio capolavoro e conduce davanti a tutte la prima manche, interpretando come qualcosa di semplice, un tracciato davvero angolato ma molto veloce, su un terreno marmoreo (complice la barratura effettuata dall’ organizzazione). Seconda l’americana Mikaela Shiffrin a +0.95, terza Tina Weirather a +1.42. Ottima la prima manche della squadra azzurra, che si presentava al cancelletto con ben dieci atlete, sette delle quali qualificatesi per la seconda manche, e sono: Irene Curtoni (sesta), Nadia Fanchini (11esima), Sofia Goggia (13esima), Elena Curtoni (15esima), Manuela Moelgg (17esima), Nicole Agnelli (18esima), non portano a termine la gara Karoline Pichler e Marta Bassino, mentre Francesca Marsaglia non si presenta al via a causa di una forte influenza.

Seconda manche disegnata dall’allenatore delle azzurre, con un tracciato molto più scorrevole di prima. Vince la gara la strepitosa Federica Brignone, che dopo una prima manche in cui non sbaglia nulla e attacca al massimo, scia una seconda manche davvero da paura, in particolare negli intermedi in cui si scia sulla massima pendenza e limitando i danni sulla parte scorrevole in piano, anche grazie agli allenamenti estivi in SuperG. Sul muro del Rettenbach quest’oggi non c’era nulla da fare davvero per nessuna, nemmeno per la campionessa americana Mikaela Shiffrin che chiude seconda a +0,85. Terza Tina Weirather, che fa valere nell’ultimo tratto le sue abilitá da scivolatrice e chiude a +1.25.

image

Gara di squadra davvero di buon livello per l’Italia con Irene Curtoni nona a +2.90, Nadia Fanchini (forse la piú deludente delle azzurre per le sue potenzialità) 11esima a +3.10, Manuela Moelgg 12esima a +3.23, Elena Curtoni 14esima a +3.67, Sofia Goggia 16esima a +3.79 (in ottima forma dopo l’infortunio dello scorso anno). Non porta a termine la seconda manche la giovane Nicole Agnelli.

image

L’augurio di Nazionaliditalia.it è che per le nostre azzurre e per Federica Brignone in particolare, la gara di oggi sia solamente l’inizio di un sogno da realizzare.

Appuntamento a domani con il gigante maschile, prima manche ore 9.30.

 

di Simone Frigeri

 

About Simone Frigeri

Simone Frigeri nasce a Gorizia il 23 febbraio 1993.
Diplomato al Liceo Linguistico, frequenta la Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Trieste. Ama lo sport in generale con particolare attenzione al calcio ed allo sci alpino, sport praticati agonisticamente per molti anni. Attivo in campo sociale, persona estroversa e sempre pronta a mettersi in gioco.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto