mercoledì 22 novembre 2017

Brignone al cubo! Ancora podio. Vince Hirscher fra gli uomini

Vonn e Hirscher vincono i due giganti

Se fra gli uomini ormai la vittoria di Marcel Hirscher non fa notizia, che dire di una stratosferica Lindsey Vonn che vince anche in gigante? Sembra non fermarsi più l’americana che dopo aver dominato tutti i superG e Discesa Libera fino ad ora, conquista anche il gigante femminile di Aare con due manche da campionessa (Probabilmente/sicuramente la più grande di sempre). 71 vittorie in carriera dunque per Lindsey, 104 punti di vantaggio sulla seconda in classifica generale e le 86 vittorie in carriera di Stenmark sono ormai nel mirino.

"The queen" Lindsey Vonn

“The queen” Lindsey Vonn

Gigante donne di Aare:

Vince la Vonn davanti all’austriaca Eva-Maria Brem di soli 7 centesimi. Stupendo terzo posto a +0.35 per la nostra Federica Brignone che dopo la prima manche si trovava al sesto posto a causa di uno scontro violento con un palo che oltre a farle perdere dei centesimi, le procura un fastidioso dolore al braccio destro, evidenziato dal fatto che in seconda manche Fede in partenza non spinge nemmeno con il bastone destro. Ma questa Brignone non la ferma nessuno, si presenta al cancelletto della seconda per spaccare il mondo e lo fa veramente! Danza tra le porte con un talento raro e per lei ancora un grande sorriso meritato alla fine della gara e pettorale rosso del leader ancora suo (3 podi su 3 giganti). Quarta Worley e quinta Loeseth. Molto bene Marta Bassino che chiude nona a +1.65 e lascia ben sperare per le prossime gare, perché é sicuramente lei la più giovane e talentuosa azzurra della squadra che speriamo possa seguire presto le orme di Brignone. Da evidenziare il fatto che Mikaela Shiffrin si é procurata dei problemi ad un ginocchio durante il riscaldamento e non ha preso il via alla gara, la sua presenza é a rischio anche per la gara di domani.

Per quanto riguarda le altre azzurre: 14esima Manuela Moelgg a +2.22, 21esima Sofia Goggia, 23esima Irene Curtoni, 27esima Francesca Marsaglia. Elena Curtoni e Karoline Pichler non si qualificano alla seconda manche mentre Agnelli e Nadia Fanchini non portano a termine la prima manche.

Gigante uomini Val d’Isere:

Il podio di oggi

Il podio di oggi

Come giá detto sopra, Slalom gigante+Marcel Hirscher= vittoria. Vince sempre e soltanto lui, sembra non sia mai a rischio di uscire o cadere, sembra non possa compiere nessun errore, é un computer fa tutto quello che deve fare, come se sciare fosse un operazione matematica dal risultato scontato. Se lui non sbaglierá/cadrà, vincerá sempre da qua a fine anno, anche perchè Ted Ligety sembra essere entrato in un “tunnel”, ma nessuno sa spiegarsi il perchè. Ted è caduto la scorsa settimana mentre stava sciando fortissimo, questa settimana invece dopo aver preso sul personale la questione orario di partenza della gara, viene sconfitto dal mal di schiena (così pare) e non si qualifica nemmeno nella seconda manche. Al secondo posto oggi c’è Felix Neureuther a +1.29 autore di due ottime manche, in particolare la seconda, in cui dimostra tutta la sua classe. Felix non è sicuramente Hirscher, ma che classe il teutonico quando scia! Terzo e di nuovo a podio dopo la scorsa settimana, il francese Muffat-Jeandet a +1.58. Molto bene Giovanni Borsotti che con il sesto posto di oggi a +2.25 conquista il miglior risultato in carriera e punta dritto a ripetersi la prossima domenica con il gigante della mitica Gran Risa.

Borsotti in piega

Borsotti in piega

Per quanto riguarda gli altri azzurri: ottavo Nani, 15esimo Moelgg, 17esimo Eisath, 21esimo Murberger (prima qualificazione in carriera), 22esimo Tonetti mentre De Aliprandini non porta a termine la seconda manche. Ballerin esce subito in prima manche, mentre Zingerle e Blardone non si qualificano alla seconda manche.

Appuntamento a domani con lo slalom sia per le donne che per gli uomini.

 

di Simone Frigeri

 

 

About Simone Frigeri

Simone Frigeri nasce a Gorizia il 23 febbraio 1993. Diplomato al Liceo Linguistico, frequenta la Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Trieste. Ama lo sport in generale con particolare attenzione al calcio ed allo sci alpino, sport praticati agonisticamente per molti anni. Attivo in campo sociale, persona estroversa e sempre pronta a mettersi in gioco.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto