mercoledì 17 gennaio 2018

Grandissimo Casse, sfiora il podio dietro ai mostri Hirscher e Ligety

A sorpresa vince la gara Marcel Hirscher

Fitta nevicata a Beaver Creek, si parte da una decina di porte più in basso sulla Birds of Prey. Traccia l’allenatore austriaco ed indovinate un pò? SuperG che pare più un gigantone. Risultato? Vince un bravissimo Marcel Hirscher, approfittando del pettorale numero 4 ricevuto all’estrazione (poteva prendere anche il 29 come Ligety) ed anche il meteo é a suo favore, infatti quando incominciano a scendere i pezzi grossi della velocitá cala la nebbia e la nevicata si intensifica ancora di più. Nulla comunque da togliere al grande campione, ma che fortuna questo Marcel!!! Secondo un altro alieno Ted Ligety giusto a confermare che più di un SuperG oggi é stato un gigantone. Ted parte con il 29 e dimostra tutta la sua abilitá dove c’è da carvare ma quest’oggi la fortuna non è dalla sua (pettorale in primis) e deve accontentarsi di stare dietro a Hirscher di 33centesimi. Terzo Weibrecht a +0.36.

Re Marcel

Re Marcel

Veniamo alla nota lieta di serata che ha un nome ed un cognome: MATTIA CASSE! Ma che grande questo atleta, sfrutta anche egli il numero di pettorale numero 1 e sciando con una dolcezza e perfezione rare, chiude con uno strepitoso quarto posto a +0.50 a parimerito con Theaux. Si tratta per Mattia del miglior risultato in carriera, sfortunato di certo, perché si stava quasi giá gustando il suo primo podio, ma se può consolarlo, gli facciamo notare che si è dovuto arrendere a due veri e propri mostri sacri dello sci come Hirscher e Ligety. Chapeau!

Il nostro Casse

Il nostro Casse

Per quanto riguarda gli altri azzurri: buona prova visto il tracciato per Dominik Paris, 13esimo a +0.86. Stesso discorso per Innerhofer, 14esimo a +0.87. 18esimo Marsaglia a +0.95, 24esmo Tonetti, 26esimo Fill, 34esimo De Aliprandini, 50esimo Varettoni,

Gara più che negativa per i due norvegesi con Svindal 18esimo e Jansrud ultimo a causa di un errore gravissimo.

 

di Simone Frigeri

About Simone Frigeri

Simone Frigeri nasce a Gorizia il 23 febbraio 1993. Diplomato al Liceo Linguistico, frequenta la Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Trieste. Ama lo sport in generale con particolare attenzione al calcio ed allo sci alpino, sport praticati agonisticamente per molti anni. Attivo in campo sociale, persona estroversa e sempre pronta a mettersi in gioco.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto