sabato 18 novembre 2017

Scherma, Spada: argento per Giulia Rizzi. Tutti i risultati della spada

bizzi trifiletti federscherma spada giulia rizzi

Al PalaBorsani di Legnano si è svolto il 40° Trofeo “Carroccio”, ultima tappa stagionale del circuito di Coppa del Mondo di spada femminile.

Giulia Rizzi conquista un fantastico argento, rimanendo però sconfitta in finale dall’estone Erika Kirpu per 15-11. Rimane un’ottima gara della friulana, che porta i colori azzurri nuovamente sul podio. L’italiana ha esordito nel tabellone principale contro la statunitense Katharine Holmes per 15-11 e poi ha battutto l’americana Courtney Hurley per 13-12, mentre nel turno delle 16 ha avuto la meglio sulla connazionale Eleonora De Marchi per 15-12. Infine ai quarti si impone sulla romena Ana Maria Popescu per 12-11 e in semifinale sulla  russa Tatyana Andryushina (15-11).

Stop al secondo turno invece per Federica Santandrea per mano dalla tedesca Nadine Stahlberg (15-14).

Fuori al primo assalto  Rossella Fiamingo e Mara Navarria, che perdono rispettivamente dalla dalla russa Yana Zvereva per 15-9 e dalla dalla tedesca Nadine Stahlberg per 15-12. Non emergono tra le 64 anche Ida Finizio contro la campionessa di Hong Kong Vivian Man Wai Kong (15-8), Alberta Santuccio contro la cinese Yiwen Sun (15-11) e Francesca Boscarelli contro larussa Tatiana Logunova (15-8)

Non superano le qualificazioni Francesca Quondamcarlo, Brenda Briasco, Camilla Batini, Eugenia Falqui, Roberta Marzani, Nicol Foietta, Sara Carpegna, Luisa Tesserin, Giorgia Pometti, Marzia Muroni, Marta Ferrari, Federica Isola e Chiara Micheli.

L’Italia a squadre chiude invece al quinto posto. Rossella Fiamingo, Mara Navarria, Alberta Santuccio e Giulia Rizzi, dopo aver vinto agli ottavi contro  l’Ucraina per 33-30, hanno perso per 17-16 al minuto supplementare ai quarti di finale contro la Cina, poi oro alla fine della prova.

A Parigi invece è andata in scena la Coppa del mondo di spada maschile, dove Marco Fichera è costretto a fermarsi alle porte dei quarti di finale contro il russo Pavel Sukhov, per via di un sospetto stiramento al bicipite femorale destro.

L’azzurro aveva sconfitto per 15-9 il russo Dimitry Gusev al primo turno, mentre al secondo si era imposto sul compagno di squadra Enrico Garozzo col punteggio di 10-5.

Si sono fermati nel turno dei 64 Matteo Tagliariol, contro il francese Gauthier Grumier (13-10), Massimiliano Bertolazzi, per mano del transalpino Alexandre Bardenet (15-13), e Gabriele Bino contro lo svizzero Max Heinzer (14-13).

Non hanno superato la fase di qualificazione Paolo Pizzo, Gabriele Cimini, Luca Ferraris, Andrea Santarelli, Lorenzo Bruttini, Andrea Baroglio e Lorenzo Buzzi.

Oro per il francese Gauthier Grumier sul russo Gusev, mentre ottengono il bronzo il transalpino Daniel Jerent e l’ungherese Geza Imre.

Nella gara a squadre l’Italia conclude decima: Lorenzo Buzzi, che sostituisce Fichera per precauzione, Enrico Garozzo, Paolo Pizzo ed Andrea Santarelli vengono sconfitti da Israele, poi quarto, per 40-37 agli ottavi. Oro per l’Ucraina davanti a Francia e Umgheria.

Eleonora Baroni

Fonte e Foto: Federscherma Bizzi- Trifiletti

 

About Eleonora Baroni

Eleonora Baroni nasce a Correggio il 13 agosto del 1995. Diplomata al Liceo Classico nel 2014, ora frequenta la Facoltà di Lingue e Culture per l'Editoria all’Università degli Studi di Verona. Ama quasi tutti gli sport e li segue con passione, fin da quando era una bambina. Segue con attenzione scherma, tuffi e nuoto.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto