sabato 18 novembre 2017

#Euro2016 le parole di Candreva e Florenzi

Dopo la vittoria contro il Belgio l’entusiasmo del gruppo è stato smorzato dalle intenzioni e dalle parole di Conte che subito ha riportato la concentrazione nel ritiro di Montpellier. E’ vero che una vittoria – stando ai pronostici – del tutto insperata porta gran buonumore tra le fila azzurre, ma come il CT ha ricordato: “Non abbiamo vinto niente” anche se “è necessario continuare a sognare per compiere qualcosa di straordinario”.

Italy Training Session And Press Conference

facebook.com

Al termine dell’allenamento, Candreva e Florenzi (da pochissimo diventato papà)  si sono presentati in conferenza stampa, queste le loro parole:

Florenzi: “La nascita di mia figlia è stata l’avvenimento più importante della mia vita, questa creatura sicuramente migliorerà la mia vita, quella di mia moglie e dei nonni. Siamo la squadra che corre di più? Ne siamo orgogliosi, non è quello che han detto i giornali all’inizio degli Europei rimangiandosi poi le parole: noi dobbiamo pensare ai fatti, lasciamo agli altri le parole. La squadra viene prima di tutto? E’ un pensiero che porto anche nel club; ho esultato tanto? Si, l’arbitro poteva ammonire tutti e dodici i panchinari. Se siamo il gruppo che siamo lo dobbiamo anche al mister, siamo davvero molto uniti, ora dobbiamo sostituire le parole coi fatti. La maglia azzurra? Unisce tutti, unisce noi e dovrebbe riunire tutti i tifosi d’Italia. Sono a disposizione dal 18 maggio, mi sento bene. Se in playstation prendo Ibra? Adesso non è importante. Se corro tanto? Quando si corre tutti verso uno stesso obiettivo la fatica quasi non si sente. L’Irlanda ci darà filo da torcere, sono state tutte partite tirate, in pochi hanno vinto con due gol di scarto”.

Candreva: “Come recuperare le energie? Con il riposo ed il lavoro che stiamo facendo, siamo abituati e preparati. Per quanto riguarda la gara, tutte le partite devono essere affrontate come contro il Belgio, contro la Svezia sarà una partita difficile ma noi venerdì vogliamo chiudere il discorso qualificazione. Già oggi abbiamo fatto delle prove per mettere in difficoltà la Svezia. Chiellini si tuffa? Non credo, magari subisce tanti falli (scherza n.d.r.). Chi vorremmo qui? Noi siamo contenti di noi, siamo un bel gruppo e ci vogliamo bene; dispiace per Marchisio e Verratti che non possono essere qui e noi giochiamo anche per loro. Stile Juve proposto da Bonucci? Credo che il blocco juve sia composto da persone di gran caratura con esperienza internazionale, sono abituati a vincere e siamo sulla stessa strada. Su Ibrahimovic sappiamo che è un giocatore fantastico ed importante che da solo può decidere una partita, noi però penseremo a fare il nostro, giocheremo su di noi e sui loro punti deboli. Rivalità tra i club? Noi in Nazionale non ne parliamo, qui è un altro ambiente e va vissuto in maniera diversa perchè siamo concentrati. Crioterapia (raffreddamento a -110 gradi per rigenerare i muscoli n.d.r.)? Non l’ho mai fatta, la lascio agli altri, non mi hanno detto di aver avuto una bella esperienza. A questo punto abbiamo visto giocare tutte le squadre, nessuno ha avuto una vittoria facile, l’Irlanda mi ha dato una buona impressione,”.

 

VERSO LA SVEZIA Per la gara di venerdì alle 15:00 contro la Svezia, non si prevedono stravolgimenti tattici: vedremo un 3-5-2 riproposto pressoché dagli stessi interpreti scesi in campo lunedì scorso contro il Belgio salvo qualche turnover per permettere a qualcuno di riposare; il punto interrogativo più marcato è rappresentato da Pellè, oggi tornato ad allenarsi dopoché era stato costretto a fermarsi per una forte contusione al piede sinistro, non dovesse recuperare al 100%, Zaza, rimasto in panchina lunedì, scalpita per un posto da titolare.

A QUESTO INDIRIZZO il calendario, i risultati ed live match di tutte le partite di Euro 2016!

About Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua nasce a Gorizia il 20 ottobre 1993. Si diploma al Liceo Scientifico nel 2012. Attualmente frequenta la Facoltà di Giurisprudenza all'Università degli Studi di Trieste. Scrivere di sport è un'opportunità di crescita; gioca a calcio. @Bevilacqua_93

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto