venerdì 19 gennaio 2018

Italia – Irlanda: le pagelle

Dopo aver fatto il resoconto del match degli azzurri, diamo un’occhiata alle pagelle della nostra Nazionale. E’ un’Italia che non convince, probabilmente per l’ampio turnover fatto dal ct Conte. Ci riserviamo di salvare solo pochi giocatori, a fronte di una prestazione collettiva insufficiente.

Sirigu 6: nonostante il gol subito negli ultimi minuti del match, è stato provvidenziale in più di una occasione: ricordiamo la grande parata sul colpo di testa di Murphy sugli sviluppi di un corner.

Barzagli 5,5: non è il Barzagli che siamo abituati a vedere. Ha disputato una partita di amministrazione, con qualche pallone perso.

Bonucci 5,5: non una grande serata per lui: più di una volta si trova disorientato davanti agli attacchi avversari.

Ogbonna 5,5: all’esordio ad Euro2016, messo in campo al posto di Chiellini (diffidato), disputa un match incolore.

Bernardeschi 5: non ha saputo incidere nel corso del match, e ha fatto vedere come il posto di esterno destro di centrocampo sia di proprietà di Candreva. Ci si aspettava qualcosa di più dal classe ’94, reduce da un’ottima stagione con la Fiorentina (dal 60′ Darmian 5,5: una mezz’ora assolutamente spenta per l’esterno del Manchester Utd)

Sturaro 4,5: è un peccato attribuirgli una valutazione così bassa, ma il giovane centrocampista non è mai stato presente nel corso del match, pur avendo disputato l’intera partita.

Thiago Motta 5: ancora una prestazione negativa per il centrocampista del PSG, che per l’ennesima volta mostra che forse quel numero 10 sulla casacca non se lo merita troppo. E Conte probabilmente lo sa, ma ha dovuto metterlo in campo per evitare la squalifica di De Rossi, diffidato.

Florenzi 5: non ha saputo incidere nel corso del match, probabilmente perchè, secondo noi, non è quello il ruolo che gli spetta, ovvero lo stare in mezzo al campo. Magari, se giocasse esterno …

De Sciglio 6: forse l’unica nota positiva del centrocampo. Il terzino si è dimostrato propositivo in più di un’occasione ma senza risultati (dall’81’ El Shaarawy sv)

Zaza 5,5: ci si aspettava qualcosa di più da lui, date le buone prestazioni negli altri match. Non ha ricevuto palloni giocabili dal centrocampo, e forse è questo il motivo per cui non ha saputo incidere.

Immobile 5,5: per lui solo un tiro di poco fuori al 42′. Manca l’intesa con Zaza (dal 74′ Insigne 6,5: probabilmente in 15 minuti ha fatto più di quanto l’Italia abbia fatto in 75 minuti, con un palo da fuori area, che ricordava l’azione che ha portato Eder al gol contro la Svezia; ottimo scorcio di partita per il giocatore del Napoli)

(fonte immagine in evidenza: tuttosport.com)

Matteo Zotti

 

About Matteo Zotti

Matteo nasce a Gorizia il 20 giugno1996. Diplomato al Liceo Scientifico nel 2015, attualmente frequenta la Facoltà di Odontoiatria e Protesi Dentaria all’Università degli Studi di Trieste. Ama tutte le curiosità legate al mondo del calcio. Lo sport non costruisce la personalità: la rivela.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto