venerdì 19 gennaio 2018

Italia – Spagna: si respira aria di vendetta

Tutto pronto per il match delle 18 allo Stade de France contro le Furie Rosse. Un match che ci riporta indietro a quel 1 luglio 2012, in cui gli spagnoli sconfissero la Nazionale di Prandelli nella finale del torneo europeo. La gara sarà diretta dal turco Çakir, che fu 4° uomo proprio in quel match.

Manca davvero poco alla partita che segnerà il futuro degli Azzurri in questi Europei. E’ una gara da dentro-fuori come si suol dire e l’Italia dovrà tirare fuori il meglio di sé, come ha fatto contro il Belgio e la Svezia. Di fronte troviamo una Spagna qualificatasi come seconda nel gruppo D dietro alla Croazia (appena uscita contro il Portogallo).

L’Italia si presenta senza quella che forse è la sua pedina più importante, ovvero Antonio Candreva (problemi all’adduttore per lui), che verrà rimpiazzato molto probabilmente da Florenzi, con una mentalità più difensiva. Recuperato Buffon, che aveva saltato l’ultimo match contro l’Irlanda per un piccolo attacco influenzale.

Vediamo ora le probabili formazioni:

ITALIA (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci, Chiellini, Florenzi, Parolo, De Rossi, Giaccherini, De Sciglio, Pellè, Eder

SPAGNA (4-1-4-1): De Gea, Juanfran, Piqué, S. Ramos, J. Alba, Busquets, Silva, Fabregas, Iniesta, Koke, Morata

Gli Azzurri si trovano di fronte ucandreva-durante-lamichevole-con-la-spagnana squadra molto offensiva; il ct Del Bosque ha puntato su ben 4 giocatori offensivi a sostegno dell’unico attaccante Morata. E’ senz’altro una squadra aggressiva, pronta ad abbattere il muro difensivo azzurro, che ha subito un solo gol nella fase a gironi (la Spagna ne ha subiti 2, tutti dalla Croazia).

Il rimpiazzo di Candreva ha suscitato molte polemiche; Florenzi è comunque un valido sostituto, ma molti tifosi si chiedono come mai calciatori di talento come Insigne e El Shaarawy non riescano a trovare posto tra gli schemi di Conte, pur avendo giocato un ottimo campionato come esterni di centrocampo. Ci si aspetta molto inoltre dalla coppia d’attacco Pellè-Eder (un gol a testa finora) e da un centrocampo che non ha ancora convinto (l’unica certezza è al momento De Rossi).

Occhio ai diffidati: Chiellini, Eder, Bonucci, Barzagli, Buffon, De Rossi, Thiago Motta, Zaza, Sirigu, Insigne; questa è la lunga sfilza di ammoniti tra le file azzurre. Preoccupa la difesa (sono diffidati sia Buffon che il trio juventino). Se venisse confermata la formazione da noi data, ben 6 elementi tra i titolari sarebbero diffidati. Tra gli spagnoli, l’unico diffidato è Sergio Ramos.

(fonte immagine: it.ibitimes.com)

Matteo Zotti

About Matteo Zotti

Matteo nasce a Gorizia il 20 giugno1996. Diplomato al Liceo Scientifico nel 2015, attualmente frequenta la Facoltà di Odontoiatria e Protesi Dentaria all’Università degli Studi di Trieste. Ama tutte le curiosità legate al mondo del calcio. Lo sport non costruisce la personalità: la rivela.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto