venerdì 17 novembre 2017

Fill, Curtoni e Brignone. L’Italia c’è!

Dopo i mondiali, il week end sorride agli azzurri.

La spedizione mondiale non è andata come doveva e poteva andare, ma una settimana dopo gli azzurri si fanno rivedere in piazzamenti che li competono.

Ad aprire le danze una grande Federica Brignone che ha vinto la combinata alpina del venerdì rifilando un distacco di un secondo e un centesimo alla slovena Ilka Stuhec ed un secondo e sedici a Michaela Kirchgasser. Fede si ripete con una grande prestazione nella combinata della domenica, chiudendo seconda alle spalle di Mikaela Shiffrin. I giochi per la coppa di specialità della combinata sono apertissimi, con la nostra azzurra staccata di soli 20 punti da Stuhec, leader provvisoria.

Fede Brignone dopo la combinata

Nel superG del sabato femminile, si rivede in splendida forma Elena Curtoni, autrice di un’ ottima prestazione anche st. Moritz. L’azzurra ha chiuso seconda a 50 centesimi di distacco dalla vincitrice Stuhec. Terza classificata Stephanie Venier. Anche nel SuperG c’è da sottolineare una grande prova di Brignone, che ha fatto segnare il quinto tempo.

Elena Curtoni

Per quanto riguarda gli uomini, il week end azzurro può essere sintetizzato con un nome ed un cognome, Peter Fill. L’atleta di Seiseralm, in grande forma, ha conquistato un secondo posto ed una vittoria. Il secondo posto è arrivato con la discesa libera del sabato, in cui ha dovuto inchinarsi, per 8 centesimi, solamente al padrone di casa Kjetil Jansrud. Prima vittoria in carriera per Peter che arriva invece, quasi a sorpresa, nel SuperG davanti a Reichelt e Guay.

Peter Fill vincitore in Norvegia

di Simone Frigeri

About Simone Frigeri

Simone Frigeri nasce a Gorizia il 23 febbraio 1993. Diplomato al Liceo Linguistico, frequenta la Facoltà di Scienze Politiche all’Università di Trieste. Ama lo sport in generale con particolare attenzione al calcio ed allo sci alpino, sport praticati agonisticamente per molti anni. Attivo in campo sociale, persona estroversa e sempre pronta a mettersi in gioco.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto