sabato 21 ottobre 2017

22 B..ellezze! Cesena!

Quattro punti su ventuno disponibili. Ecco la situazione che i romagnoli si trovano ad affrontare in questo difficile inizio di campionato. Nessuno si aspettava una stagione da prima della classe a Cesena ma neppure che la squadra dopo sette giornate occupasse l’ultimo posto in classifica.

Il primo a farne le spese, come spesso accade, è stato l’allenatore. Fuori Andrea Camplone e dentro Fabrizio Castori, ex allenatore del Carpi con cui lo scorso anno raggiunse la finale dei play-off poi persa contro il Benevento. Per il neo allenatore si tratta di un ritorno visto che ha allenato i romagnoli dal 2003 al 2008. Il suo curriculum parla chiaro: allenatore navigato con quasi mille panchine all’attivo ed esperto conoscitore del campionato di B, vinto proprio con il Carpi nella stagione 2014/2015.

La rosa della squadra è molto giovane ma allo stesso tempo molto interessante. Salutati in estate giocatori del calibro di Camillo Ciano (Frosinone), Luca Garritano (ChievoVerona), Michael Agazzi (Alessandria) e Alejandro Rodrìguez (Salernitana), la società ha puntato su un mix di giovani di belle speranze e giocatori esperti della categoria. 

Il colpo del mercato è stato sicuramente l’acquisto di Daniele Cacia (34 anni), secondo marcatore di sempre nel campionato cadetto con ben 133 centri. Accanto a lui giovani interessanti e di belle prospettive. Su tutti Giuseppe Panico (20), attaccante in prestito dal Genoa. Figura fissa delle nazionali giovanili dall’under 17 all’under 20, il biondo attaccante originario di Ottaviano potrebbe regalare i gol che servono alla squadra per rialzarsi in classifica e centrare la salvezza.

La prossima gara vedrà i cavallucci ospitare lo Spezia del neo acquisto Alberto Gilardino. Una partita certamente non morbida per i ragazzi di Castori, chiamati a dare fin da subito delle risposte convincenti a tifosi e società. Appuntamento sabato alle 20.30 al Dino Manuzzi di Cesena!

E. P.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto