venerdì 17 novembre 2017

Pattinaggio di figura: Kostner campionessa ineguagliabile!

Nell’ultimo weekend di ottobre si è svolta la prima tappa di Grand Prix di questa nuova stagione di pattinaggio di figura: la Rostelecom Cup. In Russia erano presenti diversi atleti azzurri: Valentina Marchei e Ondrei Hotarek, Charlene Guignard e Marco Fabbri e la regina del ghiaccio, Carolina Kostner, tornata l’anno scorso alle gare.

Proprio la gardenese ha colto un importante successo che l’ha collocata ancora una volta tra le migliori al mondo, guardando con grande attenzione alle prossime Olimpiadi in Corea del Sud. Infatti la campionessa italiana ha conquistato una splendida medaglia d’argento dietro alla padrona di casa, Evgenia Mendvedeva. Il tempo non passa per questa fantastica pattinatrice, che a 30 anni compiuti continua a stupire: non solo un corto perfetto sulle note di “Ne me quitte pas” con triplo toeloop-triplo toeloop, triplo loop e doppio axel ben 74.62 punti, ma anche un libero di livello altissimo con ben sei tripli e due doppi axel e un punteggio di 141.36 e un totale di 215.98, a un passo dal suo record italiano.  Oro appunto per la Mendvedeva che ottiene un totale di 231.21 e si proietta con forza come l’atleta da battere ai Giochi. Completa il podio la giapponese Wakaba Higuchi con 207.17

Nella danza si confermano i fratelli Maia e Alex Shibutani, già bronzo alla Finale e ai Mondiali la scorsa stagione, con 189.24: gli americani portano  acasa diversi livelli quattro, come nella trottola e nei twizzles.  Secondo posto per i russi Ekaterina Bobrova e Dmitri Soloviev con 184.74 e terzo per Alexandra Stephanova e Ivan Bukin con 179.35. Si piazzano ai piedi del podio i canadesi Piper Gilles e Paul Poirier con 172.29. Top five per Charlène Guignard e Marco Fabbri con 171.37 a pochissimo dal quaro: il tandem di Milano raggiunge diversi livelli tre e quattro, unico livello due nel libero per una sequenza di passi nel libero. Rimane comunque un’ottima prestazione per loro.

Tra le coppie di artistico il podio è formato interamente dai pattinatori russi: oro per Evgenia Tarasova e Vladimir Morozov, con 224.25  e con un bellissimo quadruplo twist nel lungo, argento per Ksenia Stolbova e Fedor Klimov con 204.43 e bronzo per Kristina Astakhova e Alexei Rogonov con 199.11.  Quarti ad un passo dal bronzo Valentina Marchei e Ondrej Hotarek: il duo allenato da Franca Bianconi perde una posizione rispetto allo short a causa di due deduzioni per una caduta sul triplo toeloop in parallelo e per una violazione di tempo nel free.  Per gli azzurri un totale di 193.63 punti.

In campo maschile trionfa Nathan Chen con 293.79: lo statunitense nel libero esegue ben quattro quadrupli diversi (lutz, toeloop, salchow e flip), anche in combinazione. Dietro l’americano, si posiziona Yuzuru Hanyu con 290.77 e con il primo libero: il giapponese, campione olimpico in carica, cade sul quadruplo loop all’inizio dello short. Completa il podio il russo Mikhail Kolyada con 271.06.

Eleonora Baroni

About Eleonora Baroni

Eleonora Baroni nasce a Correggio il 13 agosto del 1995. Diplomata al Liceo Classico nel 2014, ora frequenta la Facoltà di Lingue e Culture per l'Editoria all’Università degli Studi di Verona. Ama quasi tutti gli sport e li segue con passione, fin da quando era una bambina. Segue con attenzione scherma, tuffi e nuoto.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto