martedì 12 dicembre 2017

Convocabili, Top&flop dopo la 14esima giornata

Top: JORGINHO

Foto ”Sportmediaset.com”

Nel Napoli di Sarri, primo in campionato e famoso per il gioco spumeggiante, non ci sono solo i tre tenori. C’è infatti un altro giocatore davvero fondamentale negli ingranaggi dei partenopei: Jorginho. L’italo-brasiliano, dopo qualche stagione di assestamento, è diventato un vero leader, sia dal punto di vista tecnico, sia da quello tattico, capace di segnare con una buona frequenza anche in Champions League (è lui infatti il rigorista della squadra). Le incomprensioni con Ventura, forse, sono una delle cause dell’affondo azzurro, perché non si può negare che la sua qualità avrebbe fatto molto comodo nello spareggio con la Svezia. Ma, ormai, è troppo tardi per pensarci.

Flop: ANDREA BELOTTI

Foto ”Skysport24”

Se il Torino non se la passa bene, è abbastanza semplice dare la colpa al momento no di Andrea Belotti, vero e proprio bomber nella scorsa stagione e ancora incapace di incidere in quella attuale. Certo, l’infortunio al ginocchio non ha sicuramente aiutato, ma non può essere l’unica ragione di un calo così evidente. In estate molti lo hanno cercato, molti lo avrebbero voluto, ma lui è rimasto al Toro. Che sia stata la scelta sbagliata?

About Tiziano Saule

Nato a Trieste, Tiziano Saule è studente al liceo. Socievole ma non troppo espansivo, non ama essere al centro dell’ attenzione. Adora scrivere e adora lo sport. In particolare il calcio. Ama praticarlo, guardarlo e commentarlo, unendo così le sue due passioni. Per Tiziano lo sport racconta molto di più di quello che solitamente la gente coglie: porta con sé valori, passioni e rivalità che lo rendono eccezionale.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto