martedì 12 dicembre 2017

Costanza Brogioli, sincronetta azzurra:” Voglio crescere come atleta”

Costanza Brogioli, sincronetta della Nazionale juniores e già bronzo nell’esercizio di squadra ai Campionati europei juniores, è un ragazza determinata a conquistare ottimi risultati. L’azzurra racconta con umiltà e positività la sua passione per questo sport e i prossimi obiettivi.

Quali sono gli obiettivi di questa stagione?

“I miei obbiettivi sono quelli di crescere come atleta e poter raggiungere ottimi risultati in campo nazionale, sperando di ottenere un posto in campo internazionale”.

Quali sono gli appuntamenti e impegni di quest’anno?

“Gli impegni di quest’anno sono i Campionati italiani juniores e assoluti cercando di dare il meglio per un possibile posto in nazionale juniores, che questa stagione affronterà i Campionati europei e mondiali”.

Come ti trovi a collaborare con la nazionale juniores? Com’è il gruppo?

“Mi trovo molto bene, il gruppo è molto legato poiché lavoriamo insieme da qualche anno. Sappiamo divertirci e, quando è il momento di lavorare, prendere le cose con serietà”.

Da chi è composto lo staff che vi segue?

“Lo staff della nazionale è composto da Rossana Rocci, Benedetta Parisella, Patrizia Gianlombardo e Roberta Farinelli, mentre Alessandro e Rosarita seguono l’apnea”.


Ti alleni ancora alla Busto nuoto la tua società? Com’è l’ambiente?

“Si, mi alleno alla Busto nuoto: l’ambiente è bellissimo, siamo tutte molto legate e per questo riusciamo a dare il meglio durante gli allenamenti”.

Quali sacrifici deve fare un’atleta di alto livello?

“Essendo in trasferta spesso, è molto difficile stare in pari con la scuola e recuperare tutto, però, se riesci ad organizzarti bene,  fai in modo di trovare tempo per tutto”.

Il nuoto sincronizzato in Italia : quanto è difficile praticare questo sport nel Bel Paese?

“Il nuoto sincronizzato è uno sport complicato poiché richiede molte ore di allenamento, inoltre in Italia è conosciuto poco e quindi non considerato come altre discipline, questo sopratutto un paio di anni fa”.

Come ti vedi tra qualche anno?

“Non riesco a dare una risposta certa, spero di riuscire a raggiungere tutti gli obbiettivi che mi sono posta in questi anni e quelli che mi prefiggerò. Per quanto riguarda gli studi il mio sogno sarebbe quello di studiare psicologia”.

I tuoi pregi e difetti?

“I miei pregi e i miei difetti? Come pregio dire la positività nel realizzare le cose: sono molto solare e allegra, anche quando la fatica si fa sentire e sono molto determinata a raggiungere quello che voglio, il mio difetto è quello di non essere costante, nonostante il mio nome”.

Com’è composta la tua routine di allenamento?

“La prima ora siamo in  palestra, dove facciamo pesi e corpo libero, in seguito pratichiamo una prima fase di riscaldamento in acqua e poi una seconda fase, che consiste in obbligatori e balletti e alla fine dell’allenamento ci dedichiamo allo stretching”.

Quali differenze ci sono tra duo, solo e squadra? Quale delle tre preferisci e perché?

“Il duo è composto da due persone. Nel singolo invece sono presenti solitamente degli elementi più coreografici e eleganti. La squadra è formata da 8 persone ed è quella che preferisco poiché amo il lavoro e lo spirito di  gruppo: mi piace incitare le mie compagne prima delle gara e sentirci tutte parte di una grande famiglia”.

Chi è la tua compagna di duo solitamente? Che rapporto avete?

“Beatrice Amadei è la mia compagna di duo, anche se solo da pochi anni perché la mia prima doppista ha preferito prendere un’altra strada. Con Beatrice mi trovo molto bene, ci capiamo al volo e stiamo crescendo sempre di più col passare degli anni”.

Grazie a Costanza per la gentilezza e la disponibilità e in bocca al lupo per il tuo futuro.

Intervista di Eleonora Baroni

About Eleonora Baroni

Eleonora Baroni nasce a Correggio il 13 agosto del 1995. Diplomata al Liceo Classico nel 2014, ora frequenta la Facoltà di Lingue e Culture per l’Editoria all’Università degli Studi di Verona. Ama quasi tutti gli sport e li segue con passione, fin da quando era una bambina. Segue con attenzione scherma, tuffi e nuoto.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto