martedì 23 ottobre 2018

Amichevole | Italia-Ucraina: Mancini punta sul tridente

Questa sera, alle 20:45, la Nazionale di Roberto Mancini affronterà l’Ucraina allo Stadio Luigi Ferraris di Genova. Un’amichevole per preparare la prossima sfida contro la Polonia in Nations League, e per riportare il sorriso ad una città ancora ferita dopo il crollo del Ponte Morandi

Chiellini e Bonucci portano dei fiori sul luogo della tragedia (Instagram)

 

Impossibile non tornare con la mente a quel 30 giugno 2006, quando la Nazionale di Marcello Lippi affrontò l’Ucraina nei quarti di finale del Mondiale in Germania. Impossibile dimenticare quel sinistro imparabile di Zambrotta, seguito dalla doppietta di Toni. L’Ucraina è inevitabilmente legata a “quel dolce ricordo sbiadito dal tempo” (Rino Gaetano docet) di quando la difesa azzurra guidata da Cannavaro e Super Gigi neutralizzò il talento dell’ex-rossonero Shevchenko, oggi commissario tecnico dei gialloblu. Sono passati ben dodici anni, ma forse è giunta l’ora di smetterla di vivere soltanto di ricordi, e cominciare a costruire le basi per la rinascita definitiva, perchè il popolo azzurro merita di tornare presto sul tetto del mondo.

Il cammino degli azzurri nella Nations League si è maledettamente complicato dopo il pareggio ottenuto a Bologna contro la Polonia e la sconfitta in Portogallo. L’Ucraina è invece in testa al Gruppo 1 dopo le vittorie su Slovacchia e Repubblica Ceca. Per scongiurare la retrocessione in Lega B, Mancini dovrà sperare in un pareggio tra Polonia e Portogallo, e cercare nel frattempo di oliare i meccanismi di una rosa che continua ad accogliere al suo interno giovani di grande prospettiva. Infatti toccherà probabilmente all’esordiente Nicolò Barella completare il centrocampo a tre al fianco di Jorginho e Verratti. Il 21enne cagliaritano si è messo in mostra in questo inizio di campionato con prestazioni da urlo (come contro il Milan), e Mancini è pronto a dargli una chance. Donnarumma, Bonucci e Chiellini sono praticamente insostituibili al momento. Sulle fasce dovrebbero esserci Florenzi e Biraghi. La sopresa, però, potrebbe arrivare dal tridente offensivo. Belotti non è stato convocato. Zaza ha lasciato il ritiro. Ad eccezione di Immobile, scarseggiano i centrimetri là davanti. Ed ecco che il ct si affiderà a Bernardeschi nell’inedita veste di falso nueve, affiancato da Chiesa e Insigne. Una scelta sorprendente. L’esterno di Carrara è in gran forma, viste le ultime prestazioni in bianconero, dove è stato in grado di relegare spesso in panchina uno come Dybala. Ma si rivelerà azzeccata la scelta di Mancini? Per scoprirlo, la diretta è su Rai 1 alle 20.45. Con la speranza di riportare un po’ di gioia in una città che, ci auguriamo, presto si risolleverà.

 

PROBABILI FORMAZIONI

ITALIA (4-3-3): Donnarumma; Florenzi, Bonucci, Chiellini, Biraghi; Verratti, Jorginho, Barella; Chiesa, Bernardeschi, Insigne. All. Mancini

UCRAINA (4-3-3): Pyatov; Karavaiev, Burda, Rakitskiy, Matvienko; Stepanenko, Malinovskyi, Zinchenko; Marlos, Konoplyanka, Yaremchuk. All. Shevchenko

 

di Pasquale Clemente

About Pasquale Clemente

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto
Close