Buffon saluta il PSG: ‘Non smetto’, ecco dove può andare

Gianluigi Buffon e il PSG si separano dopo un anno di avventure che hanno portato sulla bacheca del N.1 un campionato francese e la Supercoppa francese.

Alla base della scelta – consensuale – del non rinnovo c’è la volontà del club di puntare su altri giocatori oltre che una questione di bilancio. I parigini hanno speso parole dolci nel salutare “un geniluomo dentro e fuori dal campo e uno straordinario compagno di squadra”.

E ORA? – In un post su Instagram, Gigi ha confermato di essere “pronto a nuove esperienze umane e professionali”; parole che lasciano aperta qualsiasi strada anche se la scrivania da dirigente (pensiamo alla Juventus o alla Nazionale) può aspettare.

41 CANDELINE – All’età di 41 anni Buffon è lontano dal pensare di appendere i guanoni al chiodo; è difficile anche immaginare un futuro in MLS da dove qualche offerta è già arrivata. Di sicuro ci vorrà qualche settimana di riflessione prima di prendere parte a una nuova sfida, probabilmente l’ultima da calciatore.

POSSIBILITÀ – Le piste estere (europee) restano apertissime, alla condizione di essere considerato titolare e non la “chioccia” dei portieri più giovani: su questo è stato categorico anche a Parigi dove ha dovuto “accettare” l’alternanza con Areola. L’ipotesi – per ora – più gettonata (forse per la sua suggestione romantica) è quella del ritorno a Parma, dove tutto è cominciato nel 1995 (1991, contando anche le giovanili), anno di inizio di una carriera infinita.

Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua nasce a Gorizia il 20 ottobre 1993. Si diploma al Liceo Scientifico nel 2012. Attualmente frequenta la Facoltà di Giurisprudenza all'Università degli Studi di Trieste. Scrivere di sport è un'opportunità di crescita; gioca a calcio. @Bevilacqua_93