Advertisements

Cosa è successo!

Anfield. Come fosse una parola magica. Perchè a volte il Calcio regala emozioni che crescono solo in un campo da gioco.

Basta infatti un rettangolo verde per innescare tutto quello che di fantastico puó accadere nello sport. “La passione – scriveva Stendhal – non è cieca, è visionaria”

Ed è la formula magica della notte del Liverpool di Klopp che, in mondovisione, ha rimontato 3 gol al Barcellona guadagnandosi la Finale di Champions League.

È il trionfo del lavoro, dell’entusiasmo, del merito, della bellezza, dello sport agli occhi di uno stadio bellissimo, caldissimo che seppur sold out, sa trovare un posto ad ognuno di noi quando con quella sciarpata ci avvolge nei nostri stessi brividi lasciandoci senza fiato, né aggettivi: soli insieme a 50 mila persone ad ammirare la potenza e la fragilità dei sogni e ci lascia una sensazione addosso: questa partita ed il suo insegnamento fanno bene al mondo riconciliandolo con la bellezza autentica dello stupore: in fondo si può andare davvero lontani, se non si cammina mai da soli. Grazie.

Advertisements

Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua nasce a Gorizia il 20 ottobre 1993. Si diploma al Liceo Scientifico nel 2012. Attualmente frequenta la Facoltà di Giurisprudenza all'Università degli Studi di Trieste. Scrivere di sport è un'opportunità di crescita; gioca a calcio. @Bevilacqua_93