Dalle origini del futsal a Belgio 2014

A qualificazione ottenuta è giunto il momento di conoscere i protagonisti che tra dieci mesi andranno a caccia dell’oro: da maggio le schede dei giocatori azzurri

www.uefa.com

Il calcio a 5 non ha la stessa utenza del calcio a 11, non riempie stadi da 100.000 persone e non gode della stessa offerta mediatica né dei grandi club né delle nazionali più e meno “gettonate”. Ma se parliamo di storia, il confronto è aperto: il futsal nasce negli anni ’30 del Novecento, nel 1933 ad essere precisi, a Montevideo, Uruguay quando Juan Carlos Ceriani Gravier – un professore di educazione fisica – spinto dall’esigenza di far giocare a calcio i propri ragazzi sia in una piccola palestra che all’aperto, riadattò alcune regole a questo sport dando vita al calcio a 5.

Queste sono quindi le origini ufficiose del calcetto che nasce (c’era da aspettarselo) dal calcio ma che si ispira molto anche al basket (cinque giocatori e 40’ di gioco), alla pallanuoto (le regole sul portiere) e alla pallamano (le dimensioni della porta, 3×2).
Campioni del calibro di Ronaldinho, Pelè, Zico, oltre a Socrates e Ronaldo hanno tirato i primi calci ad un pallone proprio su un parquet o più plausibilmente sulla ghiaia, terra, sabbia di un campo da calcio a 5 prima di scalare l’Olimpo del calcio mondiale.
La semplicità di “due pali e una palla” è la stessa, la bellezza e la velocità di gioco forse addirittura superano gli standard di quelli registrati sul rettangolo erboso ma allora perché ad oggi si segue relativamente poco questo sport?

La nazionale italiana è reduce da un biennio glorioso: prima bronzo europeo a febbraio e poi bronzo mondiale in Thailandia raggiungendo i massimi livelli grazie alla valorizzazione dei giovani e al grande spazio riservato ai giocatori naturalizzati italiani. A febbraio dell’anno prossimo andrà in scena il campionato europeo a Bruxelles per il quale ci siamo già qualificati e per arrivare al meglio, da parte nostra, vi faremo conoscere chi salirà su quel parquet a far emozionare, se avremmo avuto successo, qualche tifoso in più.

Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua nasce a Gorizia il 20 ottobre 1993. Si diploma al Liceo Scientifico nel 2012. Attualmente frequenta la Facoltà di Giurisprudenza all'Università degli Studi di Trieste. Scrivere di sport è un'opportunità di crescita; gioca a calcio. @Bevilacqua_93