mercoledì 19 settembre 2018
#SELFIEMONDIALE
Scopri come vincere il pallone dei mondiali!!

F1 2018 – GP Melborune – Australia

La stagione di F1 riparte, come di consueto, in Australia. Vettel trionfa battendo Hamilton adottando la strategia “undercut”. Bene Kimi autore di una bella perfomance. Ricciardo quarto, Alonso quinto, buona gara anche per le Renault.

Albert Park porta fortuna alla Ferrari, possiamo dirlo senza troppi mezzi termini. L’anno scorso Seb riuscì a strappare il gradino più alto del podio attraverso una strategia di gara perfetta. Quest’anno, la favola si è ripetuta, grazie anche, va detto, alla VSC, arrivata nel momento più propizio per effettuare il sorpasso ai danni della Mercedes di Hamilton.

Dopo il super giro messo in mostra da Lewis in Q3, strappando la Pole alla Rossa, le sensazioni erano tutt’altro che positive: il distacco rifilato dalla scuderia tedesca ai danni della Ferrari, ammontava in termini di tempo, a +6 decimi, troppo per definire la vettura di Maranello allo stesso livello della AMG Petronas.

La chiave di lettura, inerente alla vittoria di oggi del team di Maranello, possiamo trovarla in una determinazione maggiore da parte dei piloti della Rossa, ma anche in una tempostica azzeccata del Pit Stop, che ha portato Seb dinanzi a Lewis al giro 19.

Riavvolgendo il nastro del GP, la partenza della SF71H numero 5 non è stata delle migliori, in questo senso va dato merito a Kimi, autore di una gara buonissima, e di una partenza perfetta e pressante in tutti i primi 10 giri. Nonostante l’età, il finlandese si è rivelato essere ancora una volta, un pilota di ottima affidabilità, sia mentale che a livello fisico.

La svolta del weekend è giunta al giro 19, appunto, quando è entrato in vigore il regime di Virtual Sfety Car, causa uscita dalla gara di Magnussen, autore fino a quel punto di una gara superlativa, vista la potenza della vettura. Ed è qui che si compie la magia della Ferrari: Vettel taglia le traiettorie a tutto gas, entra nella corsia dei box a quasi 200 km/h, attiva il Pit Limiter, monta gomme Soft ed esce davanti ad Hamilton, che sbalordito via radio chiede al proprio team “I made a mistake? What happened guys?“.

5 giri di pista a regime minimo e la gara riparte al giro 26 con Vettel che sgasa tutto quello che la Rossa ha nel motore. I tempi sul giro sono ottimi, il ritmo è costante e mai in calo, Raikkonen emula il compagno blindando il terzo posto dopo aver montato anche lui, le gomme Soft. Nel gruppo centrale, la bagarre per la zona punti vede come protagonisti: Ricciardo, che da ottavo arriverà quarto, pressando Kimi al giro 40 fino alla fine del GP.

Dietro di essi combattono Verstappen, che perde posizioni importanti al giro 10 dopo un testacoda in curva 1 (il team lo aveva avvertito, gomme tropoo calde), finirà sesto,  Alonso che si piazza quinto, Hulkenberg, settimo, pregevole la sua perfomance, Bottas invece, ottavo (era al volante di una Mercdes?!), Vandoorne nono, con la McLaren ed infine Sainz, nonostante i malanni fisici. Da registrare un ottimo piazzamento per l’Alfa Romeo Sauber, che conclude con Leclerc, tredecisima.

Dal giro 40 sino alla fine (58) Hamilton ha provato a raggiungere Vettel, ma complice anche un errore al giro 47, dove arriva lungo in frenata e sbaglia l’entrata in cruva, la Rossa ha dimostrato di essere una vettura in fase di miglioramento, ma comunque già ad un buon livello di rendimento massimo.

Dalle qualifiche ad oggi, è sembrata essere un auto meno “bloccata” nel sottosterzo, e più reattiva nei settori più veloci, sinonimo di un buon pacchetto areodinamico e telaistico.

Possiamo concludere dicendo che: la Ferrari oggi è stata superiore a livello di team, la voglia di rivalsa è tanta per il titolo perso malamento l’anno passato, ma la Mercedes rimane un passo avanti in termini di motopopulsore ed esplosività in curva. Tutto sommato la stagione è appena cominciata e se la vittoria inizale può essere un auspicio per la vittoria finale, allora il compito di noi tifosi, è di crederci fino alla fine. Loro, Seb e Kimi, hanno dimostrato quest’oggi, di crederci davvero, anche quando il risultato sembrava potesse essere scontato.

Buon inzio campionato a tutti i Ferraristi e come sempre, keep pushing guys!

 

Francesco De Marco

 

About Francesco De Marco

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto
Close