lunedì 22 ottobre 2018

Federica Costantini, pattinatrice e cuoca per passione

Federica Costantini, oltre che ex atleta agonista italiana, è anche la stella del blog di cucina “Dolci senza burro”, fondato proprio da lei. Ora allenatrice in Svizzera, la pattinatrice si barcamena tra il mondo dello sport e quello della cucina e ci racconta queste sue grandi passioni.

Hai creato il blog di cucina”Dolci Senza Burro”. Com’è nata l’idea e quando? Sono stati pubblicati anche due libri . Puoi raccontarci di questa tua importante occupazione.

“L’idea di aprire il blog è nata nel 2013 per gioco! Ho sempre avuto la passione della cucina e cosi ho deciso di condividerla con tutti! Sicuramente il successo avuto è dipeso dal fatto di aver trovato una nicchia precisa di persone a cui rivolgermi. E così è nata questa bellissima esperienza che adesso è il mio secondo lavoro. Gestire tutto richiede tanto tempo. A volte mi ritrovo a cucinare alle 11 di sera dopo essere stata in pista tutto il giorno. Nei ritagli di tempo scrivo le ricette e rispondo ai commenti sui social. I libri sono usciti a distanza di due anni l’uno dall’altro. L’ultimo proprio qualche mese fa e si chiama #imieidolciamericani. Tutte le ricette più famose americane rivisitate in chiave light!”.

Hai partecipato a Notti sul Ghiaccio, come coach di un personaggio famoso. Di che tipo di esperienza si è trattato?  Cosa ti ha lasciato?

“Notti sul Ghiaccio è stata un’esperienza stupenda che ricorderò sempre. Ci siamo divertiti e si è creato davvero un bel gruppo! A distanza di due anni ancora ci sentiamo tutti: la cosa più bella che mi ha lasciato è aver conosciuto delle persone fantastiche! Milly Carlucci in primis”.

Sei anche un’allenatrice di pattinaggio. Dove alleni? Quali sono i vostri obiettivi e quanti e quali atleti segui?

Da tre anni alleno a Biasca, in Svizzera. Ho una scuola di pattinaggio che gestisco insieme ai miei colleghi Simone Vaturi e Dario Betti. E’ un piccolo club che stiamo facendo crescere giorno dopo giorno con grandi risultati. Abbiamo due atlete che fanno parte della Nazionale Svizzera. Insegnare mi riempie di soddisfazioni!”.

Quando ti sei ritirata dall’agonismo? Quali ricordi hai conservato?

“Ho smesso di gareggiare nel 2007. Il pattinaggio rimarrà sempre la mia più grande passione e sono felice di averla trasformata nella mia professione. Questo sport sicuramente mi ha insegnato cosa sono la disciplina, i sacrifici e cosa significa il lottare sempre per raggiungere i propri obbiettivi: è una scuola di vita e cerco sempre di trasmettere questi valori anche ai miei atleti”.

Cosa pensi del pattinaggio in Italia?

“Penso che negli ultimi anni sia cresciuto molto. Abbiamo dei buoni atleti che sicuramente otterranno grandi risultati in campo internazionale. Tante buone scuole e tanti bravi allenatori!”.

Cosa pensi del nuovo metodo di giudizio?

“Credo che sicuramente abbia trasformato il pattinaggio in positivo. Il valore tecnico si è alzato molto, ma se devo essere sincera mi manca un po’ la vera essenza di questo sport, che forse con questo nuovo metodo di giudizio si è persa un po’: ormai i programmi sono quasi tutti uguali e si pensa solo a raggiungere i livelli, senza davvero lasciarsi andare e godersi ogni singolo istante in cui la lama scivola sul ghiaccio!”.

Un ringraziamento particolare a Federica Costantini per l’attenzione, l’attesa e per le foto.

Intervista di Eleonora Baroni

About Eleonora Baroni

Eleonora Baroni nasce a Correggio il 13 agosto del 1995. Diplomata al Liceo Classico nel 2014, ora frequenta la Facoltà di Lingue e Culture per l'Editoria all’Università degli Studi di Verona. Ama quasi tutti gli sport e li segue con passione, fin da quando era una bambina. Segue con attenzione scherma, tuffi e nuoto.

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto
Close