Giro d’Italia 9^ tappa: CRONOMETRO BAGNATA, GIANLUCA BRAMBILLA RESTA IN ROSA

Lo sloveno Roglic, della Lotto NL Jumbo, ha vinto la cronometro del Chianti. I favoriti per la “rosa” separati da pochi secondi, la bagarre è sempre più incerta

di VALERIO ORIGO. Percorso tecnico e difficile e reso ancora più duro dalla pioggia, con diverse cadute, ma i corridori non si sono certi risparmiati andando a tutta. Questa volta la fortuna ha sorriso a Primoz Roglic, che era giunto alle spalle del vincitore Domoulin, per un solo centesimo nella cronometro iniziale ad Apeldoorn. Lo sloveno, partendo tra i primi, ha potuto godere di condizioni meteo favorevoli rispetto ai suoi avversari.

Gianluca Brambilla della Etixx Quick-Step impegnato nella cronometro individuale

Pioggia battente, invece per Gianluca Brambilla che è riuscito a difendere la Maglia Rosa con un secondo di vantaggio sul compagno di squadra Bob Jungels. Il capitano della squadra della maglia rosa, Bob Jungels ha conquistato la maglia bianca (leader classifica dei giovani), abbastanza insolito che due compagni di squadra siano ai primi due posti della classifica generale dopo una settimana di corsa. I top rider hanno gareggiato tutti con condizioni meteorologiche avverse, non riuscendo a dare scossoni alla classifica generale, rimasta così molto corta.

Classifica 9^ tappa (40,5 Km cronometro individuale):
1° Primoz Roglic (Team Lotto NL – Jumbo) 51’45”, 2° Matthias Brandle (IAM Cycling) +10″, 3 ° Vegard Stake Laengen (IAM Cycling) a 17″.

Notizia del giorno, il russo Alexey Tsatevich del team Katusha, è stato estromesso dalla corsa per comportamento antisportivo. La sanzione inflittagli dall’Uci, una penalizzazione in denaro e tempo, è apparsa troppo leggera al suo team che ha preso la decisione più difficile.

(fonte RCS sport)

Dopo la seconda giornata di riposo, la carovana partirà per la 10^ tappa da Campi di Bisenzio in direzione Sestola (219 km)
Tappa di montagna dove si affronterà il Passo della Collina  e si attraverserà l’Appennino Tosco-Emiliano. GPM a Pian del Falco che presenta tratti con pendenza fino al 14%. A 7 km l’ultima ascesa del 5-6% con arrivo in salita.