mercoledì 18 luglio 2018
#SELFIEMONDIALE
Scopri come vincere il pallone dei mondiali!!

MotoGP Argentina: Crutchlow il re del bagnato

Marc Marquez protagonista nel bene e nel male: drive through per una manovra sbagliata in partenza, autore di una rimonta incredibile e retrocesso sotto la bandiera a scacchi per aver fatto cadere Valentino Rossi. Gara difficile per Dovizioso, solamente sesto

di Valerio Origo
Nella seconda prova del Mondiale MotoGP a Termas de Rio Hondo, caos al via, tensione ai box alla fine.
La moto di Marquez, si  spegne a pochi secondi del via, riesce a riaccenderla spingendola in avanti rispetto alla sua posizione in griglia. Ritorna indietro in contromano, si riposiziona e scatta al comando. I commissari di gara decidono di penalizzarlo (passaggio ai box a velocità ridotta).

Lo spagnolo in grande rimonta dopo la penalità inflittagli, “tampona” Aleix Espargaro e suo malgrado “deve cedere” la posizione guadagnata.
A pochi giri dal termine un sorpasso folle su Valentino Rossi che finisce a terra. Il centauro di Tavullia chiude 19° fuori dalla zona punti e non accetta le scuse dell’iberico. Il quattro volte campione del Mondo, non può certo permettersi figuracce simili.

Marc Marquez, retrocesso dalla 5^ alla 18^ posizione

Il podio passa quasi in secondo piano, è il pilota inglese Cal Crutchlow del team Honda di Lucio Cecchinello,  a vincere davanti a Johann Zarco (+0″251) su Yamaha, completa il podio lo spagnolo Alex Rins (+2″501) con la Suzuki. Tre italiani nella top ten: 6° Andrea Dovizioso, 8° Andrea Iannone, 10° Danilo Petrucci. 

I COMMENTI:
“Contento per la vittoria, ho preso solo rischi calcolati”, spiega il britannico Crutchlow. “Il team ha svolto un ottimo lavoro, ho a disposizione una Honda con un motore migliore rispetto all’anno scorso. Ora penso alla prossima gara ad Austin, mi auguro di poter puntare alle prime cinque posizioni”.

“Le sue scuse sono una presa per il c…”, ha dichiarato un Rossi imbufalito “Marquez è pericoloso, la direzione gara deve intervenire… non ha mai rispetto verso gli avversari, oggi doveva essere squalificato”.

“Sono stato lento per tutto il weekend e le condizioni climatiche non mi hanno aiutato”, il commento sulla gara di un deluso Dovizioso“Nella sfortuna sono stato fortunato, perché Rossi e Marquez non sono andati a punti“. Sul comportamento di Marquez ha aggiunto: “In un weekend in cui dai un secondo a tutti, dovresti vincere facilmente. Ha fatto tutto quello che non doveva fare, si è gestito male”.

“Non è stato un errore intenzionale, io sono onesto”, questa la pronta replica del campione del mondo in carica.Quello che dice Rossi non mi interessa, non ha accettato le mie scuse? Lo rispetto. Quando ho superato Valentino, sono finito in una zona umida, ho dovuto smettere di frenare”.  Marc cosa è successo alla partenza? “La moto si è spenta, non ho capito perché mi sia stato dato un ride through: un commissario mi aveva consentito di tornare indietro… “.

LE PAGELLE:
Cal Crutchlow  9.
Vittoria importantissima per il britannico che sale al comando della classifica generale. Salgono a quattro i Gp vinti in carriera.
Alex Rins 8. Sogna a lungo la prima vittoria nella classe regina, alla fine si accontenta di un ottimo terzo posto.
Johann Zarco 7. Un secondo posto pieno di rammarico perchè deve rimandare ancora una volta l’appuntamento con il primo successo in MotoGP.
Jack Miller 6,5.  Peccato, partito dalla pole conclude ai piedi del podio.
Valentino Rossi 6. Una gara dignitosa e beffarda per il “dottore”, riesce a ripartire ma è fuori dalla zona punti.
Andrea Dovizioso 6. Non è riuscito a trovare il feeling con la sua Ducati, corre in difesa e chiude al sesto posto limitando i danni”.
Jorge Lorenzo 4. Gara in bianco e nero. Continua la crisi del rapporto con la Ducati.
Marc Marquez 2. Protagonista in negativo: una gara da dimenticare in fretta, una pagina nera nella carriera del numero 93. Meglio evitare in futuro figuracce simili.
Dani Pedrosa s.v. Buona partenza dello spagnolo, ma il francese Johann Zarco lo stende nella ghiaia alla fine del primo giro.

LA CLASSIFICA GENERALE:
1° Crutchlow C.   – Honda (ENG)     p.ti 38
2° DOVIZIOSO A.   – Ducati (ITA)  p.ti 35
3° Zarco J.  – Yamaha (FRA)            p.ti 28
4° Vinales M.  – Yamaha (SPA)        p.ti 21
5° Marquez M.  – Honda (SPA)        p.ti 20
8° ROSSI V.  – Yamaha (ITA)           p.ti 16
10° IANNONE A. – Suzuki (ITA)      p.ti 15

Prossimo appuntamento ad Austin il 22 aprile con il GP Red Bull delle Americhe

 

 

About Valerio Origo

Valerio nasce a Milano. Diplomato all’Istituto Grafico Rizzoli, ha lavorato come responsabile di produzione presso la tipografia di un quotidiano nazionale. Hobbies: moto, sport, viaggi e fotografia. Attualmente collabora con alcune testate fotografando eventi sportivi (pallavolo, atletica leggera, canoa, football americano, golf, ciclismo, rugby e sport motoristici).

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto
Close