domenica 19 agosto 2018
#SELFIEMONDIALE
Scopri come vincere il pallone dei mondiali!!

MotoGP Repubblica Ceca: Brno vede rosso Ducati

Doppietta Ducati, Lorenzo secondo davanti a Marquez, solo quarto Rossi
Moto2 il podio: Oliveira, Marini e Bagnaia
Prima vittoria in carriera per Fabio Di Giannantonio, Marco Bezzecchi nuovamente leader della Moto3 

A Brno il Dovi ha vinto la gara più bella della stagione, ha così raddrizzato una stagione che sembrava farsi davvero in salita per lui, interrompendo un digiuno che durava dalla primo Gp in Qatar.

LA GARA
Weekend perfetto per il pilota italiano che dopo la pole si è preso anche la vittoria in una gara che lo ha visto quasi sempre in testa. Lo spagnolo Marquez ha marcato il forlivese da vicino ma nel finale non è riuscito ad impensierirlo, complice la presenza del terzo incomodo Lorenzo.
Vittoria d’autorità per Dovizioso, arrivata al termine di una gara d’attesa, bloccata dall’incognita gomme. Nel finale è stato il gioco di squadra Ducati a fare la differenza, all’ultimo giro il botta e risposta tra Marc e Jorge ha favorito il forlivese.
Gara complicata, invece per Valentino Rossi, quarto al fotofinish sul britannico Cal Crutchlow. Il Dottore ci ha provato, si è anche messo in testa per alcuni giri provando a fare il ritmo, fino a quando le gomme (media all’anteriore) e il gap che la M1 si porta dietro non gli hanno presentato il conto.
Bene in sesta posizione Danilo Petrucci, davanti al francese Johann Zarco e allo spagnolo Dani Pedrosa. Solo un decimo posto un Andrea Iannone deludente dopo un weekend in cui la Suzuki sembrava potersi inserire nel gruppo di testa.

LE PAGELLE:
Dovizioso voto 10. Un successo autoritario: in gara si è manifestato quel passo evidenziato già nelle prove. Ha festeggiato alla grande il 100° GP della carriera con la Ducati: pole e vittoria, arrivata al termine di una gara vissuta quasi sempre al comando, riportando la Rossa sul gradino più alto del podio a Brno dopo dieci anni. 
Lorenzo voto 9. 
Niente fuga iniziale, ma attesa conservando la gomma, una gara atipica per lui. Nel finale,  di prepotenza, si è liberato di Marquez e ci ha provato pure su Dovizioso, infilandosi puntualmente in chicane. Bravo e tenace il maiorchino, podio più che meritato.
Marquez voto 8.
Tutto era pianificato per l’attacco all’ultimo giro ma Marc non aveva fatto i conti con Lorenzo. Ha fatto la gara che aveva studiato, marcando Dovizioso. Non ci ha pensato due curve ad infilare Rossi nel momento in cui il forlivese si è rimesso al comando, ma questa volta ha sparato a salve.
Rossi voto 7,5.
 Sufficienza piena per la zampata all’ultima curva valsa il quarto posto. Come sempre ha fatto il massimo, con l’attuale M1, i timori sul rendimento della in gara erano più che fondati.
Petrucci voto 6. Gara a due facce:  prima parte di gara np, nel finale è stato bravo a risalire e prendersi il sesto posto.
Iannone voto 5. Altra insufficienza per Andrea. La Suzuki aveva mostrato un buon passo nelle prove e la sensazione di poter stare con i migliori. Qualcosa è andato storto e il decimo posto è troppo poco.

LE DICHIARAZIONI:
Valentino Rossi: “Nel complesso è stata una bella gara, sono soddisfatto, ma non certo contento del risultato, sinceramente avrei voluto salire sul podio. Da metà gara sentivo che il posteriore scivolava e, non riuscivo a guidare come avrei voluto”.
Andrea Dovizioso: “Ho concluso un weekend straordinario, per vincere ho dovuto guidare in maniera perfetta. La gara è stata davvero intensa, vedevo che tutti avevamo problemi con la gomma posteriore”. 

LA CLASSIFICA DEL MOTOMONDIALE:
1° Marquez M.  – Honda (SPA)         p.ti 181
2° ROSSI V.  – Yamaha (ITA)           p.ti 132
3° DOVIZIOSO A.  – Ducati (ITA)   p.ti 113
4° Vinales M.  – Yamaha (SPA)        p.ti 109
5° Lorenzo J.  – Ducati (SPA)           p.ti 105
6° Zarco J.  – Yamaha (FRA)             p.ti 97
7° PETRUCCI D.  – Ducati (ITA)      p.ti 94
8° Crutchlow C.  – Honda (ING)       p.ti 90
9° IANNONE A.  – Suzuki (ITA)       p.ti 81

MOTO2
Il portoghese Miguel Oliveira, dopo una bellissima battaglia con i piloti italiani, ha vinto uno spettacolare Gran Premio portandosi così in vetta alla classifica generale. Il lusitano ha dovuto lottare gomito a gomito fino all’ultima curva per avere la meglio di un coriaceo Luca Marini, che ci ha provato fino all’ultimo metro. Sul gradino più basso del podio, il suo compagno di team, Francesco Bagnaia staccato di appena mezzo secondo.
Gli altri nostri portacolori: al 14esimo posto Andrea Locatelli (Kalex Italtrans) a 9.4 dalla vetta, davanti a Simone Corsi (Kalex Tasca) a 10.0.  Out Romano Fenati (Kalex Marinelli) dopo un ride through per colpa di una falsa partenza, mentre è caduto nelle prime fasi di gara Stefano Manzi (Suter Forward).
La gara ha vissuto su un avvincente sfida tra i primi quattro, con Luca Marini e Francesco Bagnaia che hanno comandato a lungo la gara, ma il loro ritmo non è stato sufficiente per fare la differenza. Miguel Oliveira ha saputo prendere il comando al momento giusto e gestire nel migliore dei modi il duello finale con Luca Marini.
Nelle prime fasi di gara lo spagnolo Joan Mir si è ritirato a causa di un incidente nel corso del primo giro, mentre a metà gara Alex Marquez  è finito nella ghiaia di curva13.

Il lusitano Miguel Oliveira, con la Ktm del team Red Bull Ktm Ajo, ha vinto a Brno nella Moto2

Classifica Generale della Moto2:
1° Oliveira Miguel (Por)         p.ti 166
2° BAGNAIA Francesco (Ita) p.ti 164
3° Marquez Alex (Spa)            p.ti 113
4° BALDASSARRI Lorenzo (Ita) p.ti 106
5° Binder Brad (Rsa)                     p.ti 101

MOTO3
Fabio Di Giannantonio si è preso finalmente la prima vittoria della carriera. È stata la solita gara della Moto3, emozionante, da cuore in gola fino all’ultimo: da questa corrida è uscito trionfatore Diggia, che ha preceduto sul traguardo lo spagnolo Aron Canet e il ceco Jakub Kornfeil. Ai piedi del podio, Enea Bastianini, l’argentino Gabriel Rodrigo, e il nostro Marco Bezzecchi, sesto ma di nuovo leader del Mondiale.
Di Giannantonio è stato protagonista, portandosi al comando sin dalle prime battute. Nella bagarre finale per giocarsi la volata: gioco di scie, staccate al limite Di Giannantonio è stato il più lesto a prendersi quel piccolo vantaggio che gli ha consentito di mantenere la prima posizione fino alla linea del traguardo.
Ottima gara per  Enea Bastianini, quarto dopo una partenza difficile. Marco Bezzecchi ha condotto una gara lucida, bravo a gestire le difficoltà ed evitare di farsi coinvolgere nella bagarre, un sesto posto, che con l’assenza di Martin lo riporta in vetta al Mondiale con tre punti sullo spagnolo.

Prima vittoria in carriera per il romano Fabio Di Giannantonio classe1998, del team Del Conca Gresini

La classifica del Mondiale della Moto3:
1°) BEZZECCHI M. Ktm (Ita)  p.ti 133
2°) Martin J. Honda (Spa)        p.ti 130
3°) DI GIANNANTONIO F. Honda (Ita) p.ti 116
4°) Canet A. Honda (Spa)         p.ti 112
5°) BASTIANINI E. Honda (Ita) p.ti 97

Prossimo appuntamento il 12 agosto a Spielberg con il GP d’Austria

About Valerio Origo

Valerio nasce a Milano. Diplomato all’Istituto Grafico Rizzoli, ha lavorato come responsabile di produzione presso la tipografia di un quotidiano nazionale. Hobbies: moto, sport, viaggi e fotografia. Attualmente collabora con alcune testate fotografando eventi sportivi (pallavolo, atletica leggera, canoa, football americano, golf, ciclismo, rugby e sport motoristici).

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto
Close