Advertisements

Pallavolo | Il mito Velasco si ritira! Le frasi più celebri

Dopo quarant’anni di carriera, a 67 anni, Julio Velasco lascia la pallavolo.

Velasco si ritira dopo aver vinto tutto: 4 titoli in Argentina col Ferro Carril Oeste, poi con Modena 4 scudetti, 3 Coppe Italia, una Supercoppa italiana e una Coppa delle Coppe. Da CT azzurro ha vinto due Mondiali, tre Europei, 5 World League, una Coppa del Mondo e poi l’argento olimpico ad Atlanta ’96.

– Ho conosciuto centinaia di atleti. Alcuni vincenti, altri perdenti. La differenza? I vincenti trovano soluzioni. I perdenti cercano alibi.

– Ecco il ruolo dell’allenatore! Uno non è un grande allenatore quando fa muovere i giocatori secondo le proprie intenzioni, ma quando insegna i giocatori a muoversi per conto loro. L’ideale assoluto avviene nel momento in cui l’allenatore non ha più niente da dire perché i giocatori sanno tutto quello che c’è da sapere.

– Quando una squadra gioca male, quando le cose non vanno bene, i primi ad incazzarsi devono essere i giocatori stessi.La rabbia deve scaturire prima da loro e non dal Presidente o dall’allenatore o direttore sportivo. Se si subisce la sconfitta senza reagire vuol dire che c’è qualcosa d’importante che non va nella squadra.

– E’ opinione diffusa che chi ha vinto ha fatto tutto bene e chi ha perso ha fatto tutto male. Nello sport non basta fare le cose bene, bisogna farle meglio degli altri.

– L’attaccante schiaccia fuori perché la palla non è alzata bene, ma la palla non è alzata bene perché chi riceve non lo fa nel migliore dei modi. Quest’ultimo, poverino, non può a sua volta scaricare la colpa sull’avversario, dicendo: batti più facile! E allora dà la colpa alla luce. Quindi, se schiaccio fuori, è colpa dell’elettricista!

– Gli schiacciatori non parlano dell’alzata. La risolvono.

– Credo che la gente abbia bisogno di emozioni, di sentirsi parte di qualcosa che va al di là della routine di tutti i giorni, di competere per un’impresa straordinaria.

Advertisements

Francesco Bevilacqua

Francesco Bevilacqua nasce a Gorizia il 20 ottobre 1993. Si diploma al Liceo Scientifico nel 2012. Attualmente frequenta la Facoltà di Giurisprudenza all'Università degli Studi di Trieste. Scrivere di sport è un'opportunità di crescita; gioca a calcio. @Bevilacqua_93