Advertisements

Russia 2018 | Messi sbaglia il rigore, vincono Francia, Danimarca e Croazia

Terza giornata Mondiale in Russia: l’unico colpo di scena (in negativo) lo regala Messi e la sua Argentina pareggiando con una rocciosa Islanda. La Francia vince di misura, come da copione, così come la Danimarca e la Croazia completando i gironi C e D.

A completare la prima giornata del gruppo C si sono sfidate Francia e Australia, nella Kazan Arena i Bleus hanno acciuffato i tre punti a dieci minuti dal termine con un gol fortunoso di Pogba che beffa Ryan al ’81. Primo rigore nella storia dei Mondiali grazie all’ausilio della VAR assegnato ai transalpini al ’58: lo firma Griezmann, la replica, poco dopo è di Jedinak, sempre su rigore. Non basta all’Australia che comunque ha giocato tatticamente bene ingabbiando Mbappè e Dembelè.

TABELLINO

FRANCIA (4-3-3)  – Lloris 6, Pavard 6, Varane 6, Umtiti 5, Hernandez 6, Tolisso (’78 Tolisso) 6, Kantè 6,5, Pogba 6,5, Dembele 5,5 (’70 Fekir ) Mbappè 5, Griezmann 6,5 (’70 Giroud)

A disposizione: Mandanda, Areola, Kimpembe, Lemar, Nzonzi, Rami, Sidibe, Thauvin, Mendy

 

AUSTRALIA (4-2-3-1) Ryan 6, Risdon 5,5, Miligan 6, Sainsabury 5,5, Behich 5, Jedinak 6,5, Mooy 6, Kruse 6, (’84 Arzani) Leckie 5, Rogic 5, (’72 Irvine) Nabbout 5,5 (’64 Juric)

A disposizione: Jones, Vukovic, Degenek, Meredith, Cahill, Jurman, Luongo, Maclaren, Petratos

MARCATORI ’56 Griezmann rig, ’62 Jedinak rig, ’81 Pogba

foto quotidiano.net

 

ARGENTINA -ISLANDA

Sulla carta sembrava già tutto scritto; Argentina in goleada con il suo attacco perforante e Islanda ridotta a contare i palloni nella propria rete. E invece il bello del calcio sa regalarci una squadra data da tutti, la sfavorita, a dar filo da torcere ai vice campioni del Mondo 2014, capitanatati da Sua Maestà Lionel Messi. L’uomo che più ti aspetti alla fine tradisce: Leo sbaglia clamorosamente un rigore al ’64, sull’1 a 1 e la partita finisce in parità. Punto d’oro per l’Islanda che ringrazia prima Finnbogasson e non ultimo Halldorsson, il portiere che entra nella storia del calcio islandese ma anche di questi Mondiali 2018.

TABELLINO

ARGENTINA (4-4-1-1) Caballero, Salvio, Otamendi, Rojo, Tagliafico, Meza, (’84Higuain) Mascherano, Biglia,(’54 Banega) Di Maria,(’75 Pavòn) Messi, Aguero

A disposizione: Guzman, Armani, Mercado, Ansaldi, Fazio, Acuna, Perez, Lo Celso, Dybala, Higuain

ISLANDA (4-5-1) Halldorsson, Saeversson, Arnason, Sirgurdson, Magnusson, Gudmunsson, (’63 Gislaslon), Gunnarsson, (’76 Skulason) Sigurdsson, Halfredsson, Bjarnason, Finnbogasson (’89 Sigurdason)

A disposizone: Schram, Runarsson, Fridjonsson, Gudmunsson, Ingason, Eyjlofsson, Skulason, Trautaston, Bodvarsson

MARCATORI  ’19 Aguero, ’22 Finnbogasson

 

PERU’ – DANIMARCA

La Danimarca segue la Francia nel girone C regalandosi la prima vittoria in Russia. Autore del gol pesantissimo, l’ala sinistra Yurary. Partita spenta, avara di emozioni quella andata in scena alla Mordovia Arena, dove i peruviani hanno impostato la partita su un approccio troppo difensivo e macchinoso. La Danimarca si aggrappa ai singoli e strappa 3 punti che potrebbero risultare pensanti alla fine del turno.

TABELLINO

PERU’ (4-4-1-1) Gallese, Advincula, Rodriguez, Ramos, Trauco, Carrillo, Tapia, Yotun, Flores, Cueva, Farfan

A disposizione: Caceda, Carvallo, Corzo, Santamaria, Araujo, Hurtado, Polo, Cartagena, Loyola

DANIMARCA (4-3-3) Schmeichel, Dalsgaard, Kjaer, Christensen, (’81 Jorgensen) Stryger, Kvist, (’35 Schone)Eriksen, Delaney, Yurary, Jorgensen, Sisto (’67 Braithwaite)

A disposizione: Lossi, Ronnow, Khron Dehli, Verstergaard, Knudsen, Dolberg, Fischer, Lerager, Cornelius

MARCATORI ’59 Yurary

 

CROAZIA – NIGERIA

Si chiude il gruppo D con una sfida interessante tra Croazia e Nigeria al Kaliningrad Stadium per finire questa giornata del torneo.

La Croazia, forte dei suoi gioielli, Modric, Kovacic,Rakitic, Mandzukic, Pjaca, Perisic, si impone per 1 a 0 sulla giovane e scattante Nigeria. A decidere il match uno sfortunato autogol di Etebo all’ottavo minuto del primo tempo e un rigore di Modric a ’18 dal termine. Belle giocate per la Croazia, tanta corsa ma poca sostanza per la Nigeria.

TABELLINO

CROAZIA (4-2-3-1) Subasic, Vrsalijko, Vida, Lovren, Strinic, Rebic, (’78 Kovacic) Rakitic, Modric, Perisic, Kramaric (’60 Brozovic), Mandzukic (’86 Pjaca)

A disposizione: Livakovic, Kalinic, Corluka, Kovacic, Jedvaj, Bradaric, Caleta – Car, N. Kalinic, Badelij, Pjaca, Pivaric

NIGERIA (4-2-3-1) Uzoho, Shehu, Balogun, Ekong, Idowu, Moses, Ndidi, Etebo, Iwobi, (’62 Musa) Mikel, (’86  Nwankwo) Ighalo, (’73 Ihenacho)

A disposizione: Ezenwa, Akpeyi, Echijile, Nwankwo,Obi, Onazi, Ogu, Awaziem. Ebuehi, Omeruo

MARCATORI: ‘8 Etebo (autogol), ’72 Modric rig.

 

Francesco De Marco

Advertisements