giovedì 15 novembre 2018

Russia 2018 | Perù out, Francia ok, ma che Croazia! Argentina, dove sei?

Risultato pesantissimo quello del Novgorod Stadium fra Argentina e Croazia, dove i croati riescono a spuntarla grazie ad una papera di Caballero. Nel pomeriggio Danimarca e Australia pareggiano mentre i Blues superano il Perù di misura.

 

DANIMARCA 1 – 1 AUSTRALIA

Chi aveva sicuramente qualcosa in più da perdere in questa sfida era sicuramente l’Australia, infatti la Danimarca punge, ma non affonda, appagata dei 3 punti conquistati col Perù. Ad aprire la gara un bel gol del funanmbolo Eriksen che segna con un tiro al volo di sinistro, servito da Jorgensen. A pareggiare i conti ci pensa il solito Jedinak; poche emozioni nel secondo tempo, squadre allungate e poco divertimento in campo. Barlume di speranza per l’Australia, riguardo agli ottavi, più concreto e vicino il sogno danese.

TABELLINO

DANIMARCA: (4-3-3): Schmeichel, Srtyger, Christensen, Kjaer, Dalsgaard, Eriksen, Schone, Delaney, Sisto, Jorgensen (’68 Cornelius), Yurary (’59 Braithwaite)

AUSTRALIA: (4-2-3-1): Ryan, Behic, Miligan, Risdon, Kruse (’68 Arzani), Mooy, Jedinak, Leckie, Rogic (’82 Irvine), Nabbout (’75 Juric)

MARCATORI: Eriksen ‘7, Jedinak, rig. ’38

foto da eurosport.it

FRANCIA 1 – 0 PERU’

A completare il gruppo C, alle 17:00, la sfida tra Francia e Perù (Ekatinburg Arena): ai transalpini basta un gol diMbappè, che si regala il suo primo gol mondiale, a soli 20 anni, l’ennesima soddisfazione per il talento francese.

Nella prima mezz’ora di gioco si registrano solo occasioni per la Francia, prima Pogba, poi Varane su calcio d’angolo ed infine, appunto il tap-in di ribatutta di Mbappè su tiro di Giroud. Il perù non gioca, si blocca ancora di più nella propria trequarti e saluta con un turno di anticipo la Russia.

TABELLINO:

FRANCIA: (4-3-3) : Lloris, hernandez, Umtiti, Varane, Pavard, Matuidi, Kante, Pogba, (’89 Nzonzi), Mbappè (’75 Dembelè), Griezmann (’80 Fekir), Giroud

PERU: (4-2-3-1): Gallese, Trauco, Rodriguez (’46 Santamaria), Ramos, Advincula, Flores, Yotun (’46 Farfan), Aquino, Carrillo, Cueva (’82 Rudiaz)

MARCATORI: Mbappè, ’33

foto da calcioblog.it

ARGENTINA 0- 3 CROAZIA

La partita della giornata è stata senza ombra di dubbio Argentina contro Croazia. La partita delle 20.00 al Novgorod Stadium ha emesso un verdetto tutt’altro che scontato: la Croazia è una squadra solida, vera, capace di intrepretare il collettivo; l’Argentina, invece, un gruppo di solisti bravi, ma incapaci di realizzarsi all’interno di un “coro” troppo stonato, fino ad oggi, per ascoltarlo con gusto. Ha impressionato la Selecion, tutti, ma negativamente. Una squadra senza anima, dove i ruoli, sembrano quasi indefiniti: giocatori bravi, annullati da loro stessi e mai incisivi. La colpa si può ricercare in quella lista di convocati, oppure nelle scelte tecnico tattiche di Sampaoli, ma comunque la si voglia analizzare, la speranza mondiale è appesa ad un filo.

La Croazia ha meritato di vincere, ha giocatp attentamente, concedendo poco e sacrificando alcuni dei suoi uomni chiave, sopratutto nel primo tempo, pur di ottenere il risultato. Esauriti gli aggettivi per il duo Rakitic-Modric.

TABELLINO:

Argentina: (3-4-3): Caballero, Tagliafico, Otamendi, Mercado, Acuna, Perez (’68 Dybala), Mascherano, Salvio (’56 Pavon), Meza, Aguero (’54 Higuain), Messi

Croazia: (4-4-1-1): Subasic, Strinic, Vida, Lovren, Vrsaljiko, Perisic (’82 Kovacic), Brozovic, Rakitic, Rebic (’57 Kramaric), Modric, Mandzukic (’90 Corluka)

MARCATORI:’53, Rebic, ’80 Modric, ’93 Rakitic

foto da Il Corriere della Sera.it

 

Francesco De Marco

About Francesco De Marco

Commenti chiusi.

Scrolla verso l'alto
Close