SCI| Il week end di Adelboden conferma, ancora, lo strapotere di Hirscher. Gli Up&Down degli azzurri.

SCI| Il week end di Adelboden conferma, ancora, lo strapotere di Hirscher. Gli Up&Down degli azzurri.

13 Gennaio 2019 0 Di Simone Frigeri

Slalom gigante e speciale maschile in terra svizzera che confermano l’esistenza di un solo re, Marcel Hirscher, che torna a casa con due vittorie pesantissime. Azzurri nell’ombra, mentre le gare femminili di St.Anton sono state annullate per maltempo.

Dopo la prima manche di entrambe le gare, sembrava non essere la giornata di Marcel Hirscher. Nel gigante uno stratosferico Kristoffersen aveva messo le punte davanti al mostro austriaco, mentre nello slalom Re Marcel si trovava addirittura in terza posizione dietro a Schwarz e Kristoffersen. L’epilogo però è stato esattamente lo stesso: nella seconda manche non ce n’è per nessuno e Hirscher si conquista due ulteriori vittorie da aggiungere al suo palmares.

Nel tempio dello sci, dove si disputa sicuramente lo slalom gigante più bello della stagione, l’atmosfera è da brividi, con un parterre stracolmo in entrambe le giornate e la tifoseria calorosa pronta ad accogliere i propri beniamini dopo ogni discesa.

Uno scorcio sul parterre dalla pista di gara

Nel gigante del sabato il podio viene completato rispettivamente da Kristoffersen (+0.71) ed il francese Fanara (+1.04) che dopo il podio della Val Badia, si conferma ulteriormente nell’altra classica stagionale. Per quanto riguarda lo Slalom speciale, Schwarz, leader nella prima manche, getta un podio non impossibile da raggiungere inforcando nella seconda manche. Seconda posizione per il francese Noel (+0.50), terzo Kristoffersen a + 0.71.

Nazionale italiana invece nell’ombra e che non è riuscita a centrare neanche un piazzamento nei primi dieci in entrambe le giornate. Ma passiamo agli up&down degli azzurri.

UP. Simon Maurberger: 15esimo in gigante e 17esimo nello slalom speciale partendo in entrambe le giornate con pettorali non favorevoli a grandi imprese. Simon si dimostra essere probabilmente l’atleta più in forma della squadra italiana e da qui a fine stagione potrebbe regalarci grandi sorprese nel caso riesca a continuare su questo piano mettendo in campo solidità e costanza nei piazzamenti.

Maurberger in azione

Manfred Moelgg: diventa quasi noioso inserire sempre il leone di San Vigilio di Marebbe negli Up azzurri, ma è impossibile farne a meno. Il veterano è il capitano che tutti dovrebbero seguire, potrebbe fare ancora meglio, certo, ma scia delle manche a livelli pazzeschi. Il nostro sogno e vederlo ancora una volta sul podio entro la fine della carriera. Vai Manni.

Manfred Moelgg

Luca de Aliprandini: è un “Up” a metà quello del “Finferlo” trentino, che non riesce ancora a rendere al meglio in entrambe le manche, essendo così costretto sempre alla rincorsa durante la seconda. Speriamo trovi presto la continuità in entrambe le frazioni.

DOWN. Riccardo Tonetti: dopo buone prove da parte sua, due gare in flessione (nonostante il doppio piazzamento nella top 25) che, visto lo stato di forma in cui pareva essere, non ci aspettavamo di vedere. Speriamo risalga presto la china…e il baricentro.

di Simone Frigeri