Advertisements

Seleciao, la Germania annienta 7-1 il Brasile.

Incredibile l’epilogo della prima semifinale, la nazionale di Loew schiaccia letteralmente i padroni di casa.

L’8 luglio 2014, sarà una data che rimarrà per sempre nella storia del calcio. A Belo Horizonte il Brasile orfano delle stelle Neymar e Thiago Silva è letteralmente protagonista di una delle più grandi disfatte sportive, ancora più dolorosa del “Maracanazo” risalente al 1950. La partita inizia con un pressing Brasiliano, ma è su un calcio d’angolo dei tedeschi, che David Luiz si perde in area Muller, che sigla il gol del vantaggio all’ 11esimo minuto. Da quel momento in poi, brasiliani nel “pallone” e la Nationalmannschaft dilaga, portandosi sul 5-0 al 29esimo minuto di gioco. Record di sempre di gol subiti al mondiale nel primo tempo. Secondo tempo con la Germania che non spinge più di tanto ma segna comunque altre due reti, mentre nel finale il Brasile con Oscar sigla il gol della bandiera. Disperazione fra il popolo brasiliano, tutti in lacrime per la fine di un sogno e di una Nazione intera e nella notte fra le vie di Rio si sono verificati anche dei parapiglia e atti vandalici, ma tutto è rimasto sotto controllo. Menzione particolare per Miro Klose, che con il gol di ieri si porta a quota 16 gol nelle competizioni mondiali, miglior marcatore di sempre davanti al “Fenomeno” Ronaldo.

IL TABELLINO:

Germania: Neuer, Lahm, Boateng, Hummels (dal 46′ Mertesacker), Hoewedes, Kroos,Muller, Schweinsteiger, Kedira (dal 76′ Draxler), Ozil, Klose (dal 58′ Schurrle)

Brasile: Julio Cesar, Marcelo, Dante, D.Luiz, Maicon, Bernard, Luiz Gustavo, Fernandinho (dal 46′ Paulinho), Hulk (dal 46′ Ramires), Fred (dal 69′ Willian), Oscar

Ammoniti: al 68′ Dante

Espulsi: nessuno

Marcatori: G= Muller (11′), Klose (23′), Kroos (24′ e 26′), Khedira (29′), Schurrle (69′),  Schurrle (79′)  B=Oscar (90′)

Attesissima questa sera l’altra semifinale tra Olanda e Argentina.

di Simone Frigeri

Advertisements

Simone Frigeri

Simone Frigeri nasce a Gorizia il 23 febbraio 1993. Diplomato al Liceo Linguistico, laureato triennale in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali all’Università di Trieste. Prosegue il percorso di studi conseguendo la laurea magistrale in Gestione del Lavoro e Comunicazione per le Organizzazioni presso la facoltà di Scienze Politiche dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ama lo sport in generale con particolare attenzione al calcio ed allo sci alpino, sport praticati agonisticamente per molti anni. Attivo in campo sociale, persona estroversa e sempre pronta a mettersi in gioco.