SI TORNA A FARE SUL SERIO: A UDINE PER CONTINUARE LA CORSA VERSO IL PRIMO POSTO NEL GIRONE DI QUALIFICAZIONE AI MONDIALI DI RUSSIA 2018

Dopo le convincenti vittorie in amichevole contro San Marino (8-0) e soprattutto Uruguay (3-0), l’Italia ritorna in campo in un match ufficiale valido per la qualificazione ai Mondiali del 2018 contro il Liechtenstein.

L’avversario non è sicuramente dei più proibitivi, ma è necessario rimanere con la mente focalizzata sull’unico risultato possibile, ossia la vittoria; il duello a distanza contro la Spagna per accaparrarsi il primo posto del girone, l’unico che garantisce l’accesso diretto alla fase finale del Mondiale, infatti non permette alcun passo falso.

Cauto ottimismo per coach Ventura, che nella giornata di ieri ha dichiarato: “Goleada? Mi sembra una parola forte. Il Liechtenstein non è il Brasile ma tre giorni fa ha pareggiato con la Finlandia”.

L’unico precedente tra le due squadra risale alla partita d’andata, giocata al Rheinpark Stadium di Vaduz il 12 novembre 2016, che ha visto tuttavia gli azzurri sconfiggere piuttosto agevolmente la compagine liechtensteinese per quattro reti a zero, firmate da Belotti (2), Immobile e Candreva.

“Il Gallo” Belotti esulta dopo il goal segnato al Liechtenstein nel match d’andata

La compagine italiana arriva a questo appuntamento cavalcando un ottimo momento di forma: imbattuta da 8 partite, ossia dall’amichevole contro la Francia giocata il 1 settembre 2016, il ruolino di marcia degli azzurri recita 6 vittorie e due soli pareggi, contro le quotatissime Germania e Spagna. Serviranno pertanto 3 punti per confermare questo trend positivo e per arrivare a giocarsi il primo posto nel match decisivo contro gli Iberici, in programma il 2 settembre a Madrid.

Unico neo del momento azzurro è l’infortunio patito da Marchisio nel match amichevole contro l’Uruguay: problemi all’adduttore destro per il centrocampista, che verrà sostituito da Roberto Gagliardini, il quale lascerà il ritiro dell’Under 21 per aggregarsi alla Nazionale maggiore.

Pochi i dubbi sulla formazione che scenderà in campo alle 20:45 alla Dacia Arena di Udine: in porta tornerà titolare il capitano Gianluigi Buffon, protetto da una retroguardia composta da Darmian (vinto il ballottaggio con Conti), Barzaglii Chiellini e Spinazzola. La regia invece sarà affidata al talento di Lorenzo Pellegrini, affiancato in mediana da De Rossi, autore di 5 goal nelle ultime 6 partite tra Roma e Nazionale. Sugli esterni invece agiranno a sinistra Lorenzo Insigne, reduce da un finale di stagione di altissimo livello, e Candreva a destra. In attacco invece agirà la coppia d’oro di quest’Italia, Immobile ed il Gallo Belotti, pronti a regalare il bis dopo i 3 goal realizzati nel match d’andata. In panchina, scalpita Montolivo, rientrato dopo il lunghissimo stop causato dall’infortunio al legamento crociato anteriore subito durante il match Italia-Spagna, ed El Shaarawy.

Per il Liechtenstein invece, campo per il talento dell’Empoli Marcel Büchel, che raccoglie virtualmente il testimone di un altro ex protagonista della nostra serie A, ossia il leggendario Mario Frick, che ha dato il suo addio alla nazionale nel 2015. Assente invece il regista Sandro Wieser, in forza al Reading, squadra inglese militante in Championship.

Marcel Büchel in azione con la maglia dell’Empoli

La partita sarà trasmessa in chiaro su Rai1, in collegamento dalle 20:30.

Formazioni ufficiali:

ITALIA (4-2-4): Buffon; Darmian, Barzagli, Chiellini, Zappacosta; Pellegrini, De Rossi; Candreva, Immobile; Belotti, Insigne. Allenatore: Giampiero Ventura. A disposizione: Donnarumma, Scuffet, Astori, Bonucci, Ferrari, D’Ambrosio, Conti, Montolivo, Gagliardini, Bernardeschi, Gabbiadini, Eder, El Shaarawy.

LIECHTENSTEIN (4-1-4-1): Jehle; Rechsteiner, Malin, Gubser, Goppel; Polverino; Burgmeier, Marcel Büchel, Hasler, Salanović; Frick. Allenatore: Rene Pauritsch. A disposizione: Hobi, B. Buchel, Brandle, F. Wolfinger, Sele, Meier, Foser, Oehri, S. Wolfinger, Erne.

 

Marco Ordinanovich