Tina Maze vince la libera di Lake Louise

 

Miglior italiana Elena Fanchini, tredicesima.

Giornata buia a Lake Louise ma nessun problema per la gara nonostante il lieve nevischio. A farla da padrona è la slovena Tina Maze che conferma l’incredibile stato di forma nonché l’ottima preparazione dei materiali ed anche oggi sale sul gradino più alto del podio chiudendo con il tempo di 1’50”.98 la velocissima libera canadese (punte di quasi 130 km/h). Seconda, nonostante una prova perfetta, l’austriaca Anna Fenninger a +0.45, terza la figlia d’arte Tina Weirather a +0.51. Quarta l’americana Ross a +0.54. Prestazione deludente per l’elvetica Lara Gut 11esima. Da segnalare il rientro della campionissima Lindsey Vonn che dopo il grave infortunio subito la scorsa stagione ritorna alle gare e chiude con all’ottavo posto con 85 cent di distacco dalla vincitrice.

Per quanto riguarda i nostri colori si difendono bene Elena Fanchini 13esima a +1.32 e Johanna Schnarf 17esima a +1.47. Le altre azzurre in gara sono Verena Stuffer 26esima, Daniela Merighetti 35esima e vittima di un incidente che l’ha vista sbattere violentemente con la gamba destra su una porta. Quarantesima Nadia Fanchini, quarantaduesima Francesca Marsaglia mentre non si presenta al cancelletto di partenza, a causa di un’influenza, la rientrante Sofia Goggia.

di Simone Frigeri

Simone Frigeri

Simone Frigeri nasce a Gorizia il 23 febbraio 1993. Diplomato al Liceo Linguistico, laureato triennale in Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali all’Università di Trieste. Prosegue il percorso di studi conseguendo la laurea magistrale in Gestione del Lavoro e Comunicazione per le Organizzazioni presso la facoltà di Scienze Politiche dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Ama lo sport in generale con particolare attenzione al calcio ed allo sci alpino, sport praticati agonisticamente per molti anni. Attivo in campo sociale, persona estroversa e sempre pronta a mettersi in gioco.