Tratto d’angolo | Ventura il ritorno? Intanto tiriamo le prime somme della stagione!

Tratto d’angolo | Ventura il ritorno? Intanto tiriamo le prime somme della stagione!

8 ottobre 2018 Non attivi Di Nicola Zovi

Pausa serie A. Si riparte dalla Nazionale. Alle spalle una giornata di campionato che ha mantenuto stabili le gerarchie e una manche europea che lascia ben sperare per il futuro dei club made in Italy. 

Giunte al termine 8 giornate di campionato, si possono così tirare le prime somme della stagione. Lassù sembrano di un altro pianeta. Aldilà del marziano, che non si fa distrarre dalle quantomeno preoccupanti voci extra-calcistiche sul suo conto, la Signora sembra di un altro pianeta. Difesa organizzata, centrocampo solido, attaccanti ispirati e coperta lunga. La Juve non è bella, piace.

Non è la sola però, a portare a casa i 3 punti. Tutte le big, per la verità. Napoli, Inter, Roma e Milan si confermano dopo i fuochi d’artificio continentali, ma questa volta la Lazio decide di accodarsi al gruppone e segue la scia. E’ quarta. Preoccupano, piuttosto, le condizioni di Chievo (-1) e Frosinone (1), che devono cambiare marcia quanto prima per restare aggrappate alle speranze salvezza. D’altra parte i clivensi non potranno affidarsi al solo destino…chiamiamola ventura – se volete -, ma con la V maiuscola, perché è all’ex CT che si fa riferimento. Ebbene sì, voci insistenti avvicinano il mister meno apprezzato del Bel Paese alla città di Romeo e Giulietta. Rilanciare il Chievo per rilanciare la propria carriera: una bella sfida.

Lì davanti i bomber non stentano a timbrare il cartellino. Da Higuain a Icardi passando per Insigne e Immobile. Ma tutti gli occhi degli italiani sono concentrati sulle prestazioni del capocannoniere: Krzysztof Piątek, colpo alla Marotta dei più scaltri fanta-allenatori dell’asta di agosto. 9 gol e una promessa: «Proverò a segnare sempre, tutte le volte che scenderò in campo».

Spazio all’azzurro, dunque, ed è giusto così. C’è bisogno di ripartire. Subito. Concluso il Mondiale è facile dimenticare quanto è stata dura restare a guardare, ma provate a ricordare il dolore di quel maledetto 13 novembre 2017. La convocazione di Giovinco suona da campanello d’allarme, il forfait di Cutrone un vero peccato. Occhi puntati, però, su chi in serie A si sta comportando bene. Ogni riferimento a Federico Bernardeschi è puramente voluto. Impressionante la crescita del classe ’94, che sembra aver raggiunto la definitiva maturità calcistica. Sguardo rivolto, poi, ai vari Chiesa, Insigne, Immobile e – perché no – Caprari. Tutti giocatori offensivi, verissimo, ma il problema sembra proprio il gol. Che poi è l’essenza del nostro gioco.

Riusciranno le big di casa nostra a mantenere un alto livello di rendimento? Sarà Piatek il capocannoniere alla 38a giornata? Quali i giocatori azzurri da cui ripartite per riprendere a sognare?

Commenti – neanche a dirlo – sempre abilitati. La prospettiva, piuttosto, sempre la stessa. Sempre dalla bandierina. Buona settimana a tutti.

 

di Nicola Zovi