Volley. Altri tre punti degli azzurri: 3-1 all’Argentina

Ai Mondiali di pallavolo di Italia-Bulgaria 2018, in rimonta l’Italia raddrizza la partita e batte un’Argentina che parte con il piede giusto ma poi si perde nel corso dell’incontro.

Nel Nelson Mandela Forum di Firenze, tutto esaurito anche stasera, con non poche difficoltà gli azzurri ottengono un’importante vittoria  ai danni dell’Argentina di Julio Velasco. Dopo un primo set giocato sottotono, i sudamericani faticano a tenere lo stesso ritmo negli altri parziali. Dal secondo i ragazzi di Blengini si sciolgono, rimangono compatti, non si perdono d’animo nonostante tante cose non funzionino, come il muro e il servizio, ed impongono il proprio gioco sugli avversari. Pazzo il quarto ed ultimo parziale in cui quando i giochi sembravano chiusi gli azzurri si sono fatti recuperare, qualche brivido nel finale ma la chiude Baranowicz.
Le urla, gli sfoghi e tutta la rabbia gli azzurri l’hanno scaricate nei momenti più difficili dimostrando di cosa fossero capaci. Lo Zar (marcatore di 18 punti) ingrana con la battuta solamente dal terzo set, al centro Mazzone (tre ace) e Anzani sono stati spettacolari soprattutto nelle fasi offensive, Giannelli inquadra perfettamente le situazioni ed i giocatori a cui consegnare i palloni in ogni fase di gioco, Juantorena top scorer del match con 22 punti, Colaci monumentale in difesa ed infine Lanza fondamentale come sempre.
Non sarebbe stata un partita semplice anche se Velasco, come annunciato in conferenza stampa ha ammesso che i suoi giocatori più forti, Conte, De Cecco e Solé, non erano in perfette condizioni fisiche.

 

Cronaca. Inizio di partita equilibrato, le squadre sono sul 4-4 dopo pochi minuti. Sono gli azzurri trascinati dal solito Zaytsev a provare ad allungare per primi (9-6). I sudamericani non rimangono a guardare e guidati da Pogliyen pareggiano i conti sull’11-11. A metà parziale grazie a delle buone battute, difese e ricostruzioni, la formazione di Velasco incrementa il vantaggio portandosi sul 14-16. Tra gli italiani Anzani è il più reattivo, le bande stentano a far passare i palloni. Ramos ferma il tabellone sul 22-25 con un mani fuori.
Nel secondo parziale gli azzurri appaiono più concentrati ma l’Argentina non si lascia sorprendere, alla prima sospensione tecnica è avanti 6-8.  Al rientro in campo un break di 4-0 permette ai ragazzi di Blengini di andare sul 10-8, costringendo Velasco a chiamare timeout. Zaytsev aumenta la striscia positiva (11-8). Finalmente gli atleti italiani si sciolgono in tutti ruoli e fondamentali e grazie ad un ottimo turno al servizio di Mazzone mettono il piede sull’acceleratore portandosi  sul + 8 (22-14). Con una perfetta gestione del vantaggio, Juantorena e  Zaytsev si occupano di firmare gli ultimi punti (25-15) rimettendo le cose in chiaro.
Molto combattuta la terza frazione. Avvio sempre contratto con nessuna delle due formazioni che riesce a prendere il sopravvento sull’altra. Gli argentini si portano sull’8-6, ma la pipe di Juantorena ed un ace di Lanza permettono di non far scappare via gli avversari. Continua una sfida punto a punto, l’attacco azzurro è sempre più prolifico mentre la battuta è ancora il punto debole. Mazzone firma il 16-15, ma i sudamericani rimangono  comunque in partita. Zaytsev prende le misure dai nove metri e mette a referto il primo ace dell’incontro (24-22), Mazzone si occupa di siglare il venticinquesimo punto (25-23).
Inizio in scioltezza di Giannelli e compagni, arriva anche il muro, il primo dell’incontro, con Anzani su Lima (2-0). Poi gli azzurri ingranano diverse marce in più rispetto agli avversari tanto da portarsi sul +7 (16-9) a metà parziale. Nonostante il momento magico, al quale gli argentini non riescono a tenere testa alla nazionale del Belpaese, qualche errore di troppo ed un ace di Lopez consente loro di pareggiare i conti sul 23-23. Tanti momenti di tensione, tanta anche la lucidità di tutti i componenti della formazione tricolore che chiude le pratiche con un ace di Michele Baranowicz.

Appuntamento a domani alle ore 21.15 per la sfida contro la Repubblica Dominicana. La partita sarà trasmessa in diretta su Rai Due (collegamento alle ore 21.05).

Di seguito il tabellino:

ITALIA – ARGENTINA 3-1 (22-25, 25-15, 25-23, 28-26)
ITALIA: Juantorena 22, Anzani 6, Zaytsev 20, Lanza 10, Mazzone 10, Giannelli 3, Baranowicz 1. Libero: Colaci. Nelli, Candellaro N.e: Randazzo, Rossini (L), Cester, Maruotti. all. Blengini
ARGENTINA: Sole 7, Cavanna 1, Poglajen 18, Loser 4, Lima 11, Conte 8. Libero: Gonzalez A. De Cecco, Ramos 1, Crer 1, Lopez 1, Zanotti 3, Gonzalez J. 6, Fernandez L. all. Velasco
Arbitri: Nasr (Egi) e Gerardo (Mes).
Spettatori: 8260. Durata set: 31′, 25′, 31′, 36’.
Italia: 3 a, 4 bs, 2 m, 28 et.
Argentina: 3 a, 4 bs, 2 m, 28 et.

Alberto Incerti

Alberto Incerti

Alberto nasce a Roma il 14 gennaio 1989. Laureato in Scienze della Comunicazione nel 2014. Appassionato da sempre di sport, ama seguire la Nazionale italiana in "tutte" le discipline. Gioca a pallavolo a livello amatoriale, prima era impegnato anche a livello agonistico. Attivo nel sociale, frequenta la montagna praticando alpinismo.